in

Iceberg da record si è staccato dall’Antartide: è grande come il Molise

Giovedì 20 Maggio 2021 – Antartide, l’iceberg più grande del mondo si è staccato dalla banchisa di Ronne. A dare l’annuncio l’Agenzia spaziale europea (Esa). Con i suoi 4.320 kmq, l’iceberg chiamato A-76 è attualmente il più grande sul pianeta. Difatti ha superato il vicino A-32A (di circa 3.880 kmq) che si troverebbe nel Mare di Weddell. Le sue dimensioni corrisponderebbero grossomodo al nostro Molise. 

leggi anche l’articolo —> Vittorio Veneto, fulmine colpisce una casa e scoppia un incendio: un morto e due feriti

Antartide iceberg

Iceberg più grande del mondo si è staccato dall’Antartide: ha le dimensioni del Molise

Un iceberg gigante, grande quanto il Molise, si è staccato da una piattaforma di ghiaccio in Antartide e sta galleggiando attraverso il Mare di Weddell. La notizia è stata diffusa dall’Agenzia spaziale europea (Esa) che ha fotogratato dal satellite il distacco. L’iceberg, il più grande del mondo, è stato chiamato A-76. Come dicevamo in apertura, è lungo circa 170 chilometri e largo 25, con un’area di 4.320 chilometri quadrati. L’iceberg in questione si è formato dal lato occidentale della piattaforma di ghiaccio Ronne, che giace nel mare di Weddell, in Antartide. È stato individuato dal British Antarctic Survey e confermato dal National Ice Center degli Stati Uniti, utilizzando le immagini del satellite Copernicus Sentinel-1. Leggi anche l’articolo —> Volpi lascia la presidenza del Copasir, Salvini: “Ora metà dei componenti saranno dell’opposizione”

Antartide

L’A-76 si è staccato dalla piattaforma di ghiaccio Ronne

L’iceberg A-76, che si è staccato dalla piattaforma di ghiaccio Ronne in Antartide, si classifica come il più grande esistente sul pianeta, grande quasi quattro volte la città di New York. Ha superato l’A-23A, che è di circa 3.380 km quadrati e galleggia anch’esso nel mare di Weddell. “Un altro grande iceberg antartico che aveva minacciato un’isola popolata da pinguini al largo della punta meridionale del Sud America da allora ha perso gran parte della sua massa e si è spezzato in più pezzi, hanno detto gli scienziati”, come scrive “Il Giorno”, che specifica che la temperatura media della superficie terrestre “è aumentata di un grado dal 19esimo secolo” e che “l’aria sopra l’Antartide si è riscaldata più del doppio in questi anni”. Leggi anche l’articolo —> Greve in Chianti esplosione in una casa: un morto e due dispersi

Greve in Chianti esplosione casa

Greve in Chianti esplosione in una casa: un morto e due dispersi

Morte Maradona, svolta nell’inchiesta: in sette indagati per omicidio volontario