in

La storia della roulette, dai tavoli verdi all’online

Avresti mai detto che, un tempo, la roulette non era online? Difficile pensarlo oggi in cui la maggior parte delle giocate avviene davanti ad un computer e grazie ad una connessione internet. Tuttavia, la storia delle roulette ci spiega che questo è uno dei giochi più diffusi e più apprezzati dei casino terrestri. Ma quali sono le tappe che l’hanno portata online e ad essere una delle alternative di intrattenimento migliori del web? Abbiamo deciso di realizzare un approfondimento nelle prossime righe.

La storia della roulette: da dove si parte?

La roulette è uno dei divertimenti più importanti di tutti i casino, online e terrestri. E’ difficile immaginare un casino senza questo tipo di gioco, come è difficile immaginare la vita moderna senza internet.

La roulette ha una storia ricca che risale a centinaia di anni fa. Le sue origini risalgono al 1600 in Francia quando un fisico e matematico di nome Blaise Pascal decise di inventare una macchina a moto perpetuo: da ciò nacque la roulette. Si dice che il gioco discenda anche da un gioco inglese chiamato Roly Poly, ma nessuno sa con certezza che sia effettivamente andata così.

Quello che sappiamo è che per tutto il 17° e il 18° secolo la roulette è esistita proprio come l’aveva inventata Pascal circa 200 anni prima. Nel 1842 Francois e Lois Blanc riprogettarono il tavolo aggiungendo uno zero, assicurando così il vantaggio della casa o per il proprietario del tavolo.

Questa modifica è stata apportata su specifica richiesta del re Carlo III di Monaco e si è rivelata un momento importante nella storia della Roulette poiché ha dato alla casa un vantaggio impressionante.

La modifica non è stata realizzata per caso. Infatti, a quei tempi le economie nazionali erano instabili e la Francia stava affrontando seri problemi finanziari. Ecco perché il re Carlo III decise di far costruire un casino e offrì alla popolazione la possibilità di divertirsi con la rinnovata roulette. Questa iniziativa ha sortito gli effetti desiderati in quanto ha generato nuove entrate per Monaco e ha cementato quella tradizione che dura ancora oggi e che rappresenta una delle attrazioni principali della città.

La popolarità della roulette in Europa fu tale da essere mutuata anche dagli Stati Uniti ma con una differenza significativa. Gli americani volevano un vantaggio della casa più alto, quindi ridisegnarono di nuovo la ruota della roulette, aggiungendo un secondo zero, noto come “doppio zero”, per un totale di 38 numeri. Fino ad oggi il design della roulette americana è diffuso su decine di migliaia di tavoli di casino terrestri e online.

A volte indicato come “Il gioco del diavolo”, poiché i numeri sulla ruota della roulette raggiungono un totale numerico di 666, nella roulette il banco conserva un vantaggio imbattibile a lungo termine. La crescita di Las Vegas come capitale mondiale del gioco d’azzardo e, in misura minore, di Atlantic City negli Stati Uniti si basa proprio su giochi come la roulette e altri giochi da tavolo popolari come Craps e Baccarat, dove i casinò offrono opportunità di profitto nonostante il vantaggio del banco.

La roulette è anche entrata nell’era digitale con i casino online in cui troverai decine e decine di versioni diverse per assecondare la tua voglia di divertimento. Ovviamente, giocare online alle roulette è sicuramente più comodo perché ti eviterà dei fastidiosi spostamenti nei casino terrestri e i limiti di scommessa sono anche decisamente minori.

Inoltre, bisogna considerare che queste piattaforme offrono bonus casino senza deposito che ti permetteranno di giocare subito da casa senza dover effettuare un versamento sul tuo conto di gioco. Impossibile non sottolineare le altre promozioni disponibili sui casino online che contribuiranno ad amplificare le tue vincite.

Seguici sul nostro canale Telegram

Kadyrov macellaio

Svelato il bluff di Kadyrov, “il macellaio” ceceno non è a Kiev: ecco dove si trova

circolare esercito italiano

La circolare dell’esercito italiano significa un intervento in Ucraina? Tutta la verità