in

Lapo Elkann vende le sue auto di lusso per beneficienza: «Voglio essere una persona onesta»

«Meno imprenditore e più benefattore», così si definisce in un’intervista al settimanale “Grazia” Lapo Elkann. Il rampollo di casa Agnelli è un uomo nuovo: oggi si occupa della lotta alle dipendenze con la sua fondazione LAPS e ha a cuore le sorti degli Italiani. Durante il periodo del lockdown questi ha riflettuto a lungo, cercando di dare un senso alla propria vita, rimarcando le cose importanti: «Ho selezionato gli amici, ho eliminato tutte le persone negative. Ho ridotto le mie necessità, separandomi da molti oggetti materiali perché ho capito che, per vivere bene sono necessari affetti veri e le cose essenziali».

leggi anche l’articolo —> Lapo Elkann: «Sono stato graziato più volte. Ho avuto fortuna, ma non per il mio cognome o i soldi…»

Lapo elkann

Lapo Elkann vende le sue auto di lusso per beneficienza: «Voglio essere una persona onesta»

«Non voglio essere quello che piace agli altri, ma una persona vera e onesta», ha detto Lapo Elkann nell’intervista a ‘Grazia’. «Ho messo in vendita due auto che mi stanno molto a cuore. Modelli unici il cui ricavato saranno destinati a Scelgo Giusto, un progetto di recupero di giovani con problemi di tossicodipendenza e rischio di caduta in substrati criminali, e a Connessione vitale, per contrastare le dipendenze digitali», ha dichiarato l’imprenditore al settimanale. Un impegno sociale il suo frutto di un percorso travagliato, che affonda le sue radici nel passato: «Ero dislessico, iperattivo, poco studioso, ho subito abusi e ho avuto problemi di dipendenze». Insomma oggi Lapo Elkann è più consapevole di ciò che è e delle sue potenzialità.

Lapo elkann

«Sarebbe bello che questo momento di incertezza fosse un’opportunità̀ per cambiare il nostro approccio alla vita»

Anche sul fronte privato la vita del rampollo di Casa Agnelli è cambiata. Colpo di spugna al passato, agli eccessi e notti brave. Ora Lapo Elkann è innamorato: l’imprenditore ha trascorso la quarantena in Portogallo con la nuova compagna, l’ex pilota di rally Joana Lemos, con cui è stato fotografato dal settimanale Chi. «Questo periodo di isolamento mi fatto meditare sulla mia vita, sui valori e sulle mie frequentazioni». A sentirlo parlare il 42enne sembra veramente un altro: «La pandemia ha accentuato i nazionalismi e ha accresciuto il razzismo e l’intolleranza, nonostante la malattia abbia colpito indistintamente persone di ogni ceto e razza. Se avessimo un progetto unitario al posto di un pensiero regionale e frammentato, forse potremmo essere maggiormente riconosciuti nel mondo. Sarebbe bello che questo momento di incertezza fosse un’opportunità̀ per cambiare il nostro approccio alla vita. In un modo più positivo e disposto ad aiutare il prossimo. Cosa che è già successa sui social, dove tutto quello che era ostentazione non è più un valore», ha dichiarato sempre l’affascinante imprenditore. leggi anche l’articolo —> Lapo Elkann, Coronavirus: «Mio nonno avrebbe fatto molto meglio di questa politica»

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

ancona nubifragio

Ancona nubifragio, commercianti in strada per liberare tombini: «Ci siamo spogliati e abbiamo pulito con le mani»

annalisa

Annalisa selfie provocante e pieno di mistero, fan a bocca aperta: «Wow, pazzesca!»