in

Le città americane più visitate dai turisti internazionali

Quando ci si prepara per un viaggio negli Stati Uniti c’è subito un problema da affrontare: quale destinazione scegliere? Il territorio è così immenso da rendere difficile una selezione e subito si capisce che difficilmente in un solo viaggio si potrà vedere tutto ciò che si desidera.

Come primo orientamento per chi è alle prime armi abbiamo quindi deciso di proporre una classifica delle città americane più visitate basata sul numero di visitatori internazionali, sperando di fornire un primo utile strumento per iniziare a scremare le principali destinazioni.

La fonte a cui ci siamo affidati è quella della società londinese Euromonitor, che nel 2018 ha condotto una ricerca sull’argomento. Nello studio viene considerato visitatore qualsiasi persona che visiti una determinata città per un lasso di tempo fra le 24 ore e i 12 mesi.

Per una risorsa turistica utile per visitare tutte le destinazioni incluse in questa classifica, vi rimandiamo alla guida sulle città americane di www.viaggi-usa.it

Nella lista qui di seguito sono considerate solo le città degli Stati Uniti continentali.

New York City

Con quasi 20 milioni di arrivi nel 2018, New York vince per ampio distacco su tutte le altre città americane. Effettivamente la capacità attrattiva di questa metropoli è unica: la sua iconica skyline, i suoi avveniristici grattacieli, l’iconico ponte di Brooklyn, la follia al neon di Times Square e il monumento simbolico per eccellenza, la Statua della Libertà, costituiscono una serie di ingredienti dal fascino irresistibile.

Le sue attrazioni turistiche sono così tante da renderla a tutti gli effetti un museo a cielo aperto adatto a tutte le tipologie di turista. Chi è in cerca di attrazioni mainstream non avrà che l’imbarazzo della scelta, ma anche chi ama esplorare mete più ricercate potrà rifuggire il turismo di massa per dedicarsi all’esplorazione di quartieri e sobborghi caratteristici e dallo spirito locale autentico.

Miami

Ubicata sempre sulla East Coast, ma a oltre 2000 km di distanza da New York, Miami è un’altra isola turistica felice. Se per New York sono le attrazioni “urbane” quelle che più contano, per Miami  è la posizione naturale che fa la differenza, visto le sue splendide spiagge ricche di palme che attirano bagnanti da ogni angolo del mondo.

Il punto nevralgico è indubbiamente Miami Beach ma ridurre le attrazioni di Miami solo alla vita da spiaggia sarebbe farle un torto. La città vanta stimolanti quartieri caratteristici, come Little Havana, il distretto cubano della città, o Wynwood, la zona dei murales; ci sono anche musei prestigiosi come il Perez Art Museum e i tanti alberghi in stile Art Deco visitabili gratuitamente, simbolo dell’affascinante passato di questa città.

Las Vegas

Probabilmente nessuna città al mondo viene associata al gioco d’azzardo come Las Vegas, che spicca nell’arido deserto del Nevada, all’intero di quella grande regione definita Southwest americano. Le sue zone nevralgiche corrispondono sostanzialmente a 2 strade: la famosa Las Vegas Strip, la “striscia” di alberghi a tema e casinò su Las Vegas Boulevard South, e Fremont Street, in zona Downtown, anch’essa invasa da casinò e luci al neon.

La maggior parte del turismo che si riversa in città converge inevitabilmente sulla Strip, dove si trovano alcuni degli hotel più grandi al mondo, che ospitano anche spettacoli e incontri sportivi, ma Las Vegas offre anche incredibili opportunità in tema di escursioni naturalistiche. Vista la sua posizione strategica, molti turisti la usano infatti come base per avventurosi viaggi on the road lungo i grandi parchi nazionali americani.

Los Angeles

Ubicata sulla Costa Ovest del Pacifico, Los Angeles nell’immaginario comune non può che essere la capitale del cinema e non è certo un caso che molte delle sue attrazioni siano proprio a tema cinematografico, basti pensare agli Studios di Hollywood, di cui i più famosi sono gli Universal, o la Walk of Fame, la famosa strada lastricata di stelle del cinema.

Ma nell’immensa area urbana di Los Angeles troverete anche molto altro, a partire dalle leggendarie spiagge (non perdetevi Santa Monica), i quartieri vip (come non visitare Beverly Hills?), i prestigiosi musei d’arte (ad esempio il Getty Center) e gli irresistibili parchi divertimento come Disneyland.

Infine, proprio come Las Vegas, Los Angeles è fra le città migliori da usare come base per un viaggio on the road, esplorando la California e il Southwest.

Orlando

Torniamo in Florida, a “soli” 380 km da Miami, e dirigiamoci a Orlando, la città che deve il suo successo turistico essenzialmente al fatto di essere un vero e proprio concentrato di parchi divertimento, una meta per le famiglie dov’è davvero difficile annoiarsi.

I più in vista sono Disney World, costituito da ben 6 parchi dedicati al mondo Disney, Universal Studios Orlando, che consiste di 2 parchi tematici interamente dedicati al mondo del cinema. Avrete forse notato come anche in California, vicino a Los Angeles, si trovino gli stessi parchi, con la differenza che quelli della Florida sono molto più grandi!

Oltre a questi, che vi richiederebbero comunque una settimana circa per una visita completa vi sono molti altri parchi, quindi gli amanti di questo genere di attrazione troveranno pane per i loro denti!

San Francisco

Anche San Francisco costituisce un’ottima base per visitare i parchi del Southwest con un viaggio on the road, tuttavia, forse più delle altre città di quest’area, si merita un’esplorazione approfondita, sia per le sue numerose attrazioni iconiche, sia per il fascino che solo le vie e i sobborghi di questa città sanno esercitare sui visitatori.

Il simbolo indiscusso della città è indubbiamente il Golden Gate, il famoso ponte rosso immerso nella nebbia della baia, attraversabile in auto, a piedi o in bicicletta. Lungo i saliscendi delle colline di San Francisco non perdete occasione di salire uno dei suoi tram storici, i cable cars, che potete usare anche per muovervi in direzione di alcuni quartieri caratteristici, che costituiscono un po’ l’anima della città. Infine, praticamente obbligatoria è la visita di Alcatraz, la famosa isola prigione visitabile con tour guidati appositi.

Washington D.C.

La capitale degli Stati Uniti è una città densa di richiami simbolici alla storia e all’ideale americano. I National Mall, il parco dei monumenti di Washington, è indubbiamente il punto di maggiore interesse di tutta la città, così ricco di luoghi di interesse da richiedere diversi giorni per essere visitato per intero.

Qui si trovano infatti il Campidoglio, la Casa Bianca, il Washington Monument (l’obelisco cittadino) e il Lincoln Memorial, da cui Martin Luther King fece il suo famoso discorso I have a dream. Accanto a questi iconici monumenti sorgono numerosi memoriali che celebrano le vittime di varie guerre, fra cui il Vietnam Memorial, quello della guerra di Corea e quelli dedicati alle 2 guerre mondiali.

Infine, lungo il la strada principale dei Mall troverete moltissimi musei di grande prestigio, tutti gratuiti, fra cui la National Gallery of Art, il National Air and Space Museum, il Museo di Storia Naturale, il National Museum of American History e il National Archive, dove è custodita la dichiarazione di Indipendenza.

Fuori dai Mall si trovano alcuni quartieri giovanili e pittoreschi quali Georgetown, il distretto universitario, Dupont Circle, ricco di caffetterie e ristoranti, e la zona della U Street, pieno di locali di musica blues e jazz.

Chicago

Chicago è indubbiamente una delle metropoli più affascinanti d’America, ricca di grattacieli ed interessanti costruzioni di arte moderna, ma anche di quartieri giovanili dove troverete tanti ristoranti tipici e una vivace atmosfera modaiola.

Le attrazioni più importanti della città sono il Millennium Park, un parco ricco di di opere d’arte e sculture pubbliche, e la Willis Tower, il grattacielo più alto di Chicago con la possibilità di salire sulla piattaforma trasparente The Ledge per “camminare sospesi nell’aria”.

Altre attività molto gettonate in città sono la crociera sul fiume fra i grattacieli e la possibilità di raggiungere la spiaggia sul lago Michigan, uno dei grandi laghi americani che, per le sue dimensioni, può essere scambiato per un mare. Non perdetevi infine almeno uno dei grandi musei di Chicago, da scegliere fra l’Art Institute of Chicago, il Field Museum of Natural History e il Museum of Contemporary Art.

Boston

Boston è la città dove si celebra la storia americana, soprattutto attraverso le attrazioni del Freedom Trail, un percorso che tocca tutti i principali luoghi della rivoluzione americana, fra cui chiese, cimiteri, palazzi del potere e navi storiche; una vera e propria full immersion nelle vicende che hanno segnato più profondamente la nascita degli Stati Uniti.

Boston offre inoltre anche alcuni quartieri pittoreschi da fotografia, su tutti Beacon Hill, con le sue stradine acciottolate e lampioni a gas, e North End, il caratteristico distretto italiano. Boston rappresenta inoltre anche la base ideale per fare un tour del New England, una meravigliosa regione  rurale ricca di villaggi e bellezze costiere.

cappello

Draghi, quando la moglie Serenella allentò la regola del low profile: braccia aperte per “Volare”

Crisi migranti Ceuta

Crisi migranti a Ceuta, un neonato finisce in mare e viene salvato: attimi di ansia e paura