in

“Lolita Lobosco” una “Montalbana”? La risposta spassosa di Luisa Ranieri: «C’amma fa?»

Su “Tv Sorrisi e Canzoni” l’intervista a Luisa Ranieri, che dal prossimo 21 febbraio vestirà i panni della dottoressa Lolita Lobosco, affascinante vice questore del commissariato di polizia di Bari. Sarà lei la protagonista dei romanzi di Gabriella Genisi. «Di Lolita mi piace che è una donna mediterranea, single, a capo di una squadra di soli uomini. E che per essere autorevole e farsi rispettare non ha bisogno di mascherarsi, né di castigare la propria femminilità: in questo è un personaggio molto moderno», ha confidato la splendida attrice.

leggi anche l’articolo —> “Lolita Lobosco” trama e cast: tutto sulla nuova serie Rai con Luisa Ranieri

Lolita Lobosco

“Lolita Lobosco” una “Montalbana”? La risposta spassosa di Luisa Ranieri: «C’amma fa?»

Una «single convinta» Lolita Lobosco: «Sì, la sua è una scelta consapevole, è felice di essere single. Mi fa tenerezza perché, dopo un periodo passato al Nord, torna “giù” a Bari e tutti le fanno sempre la stessa domanda: “Come mai non ha figli?”. E lei li guarda infastidita, perché non dovrebbe certo essere un problema. Come a dire: “Ma siete de coccio», ha spiegato Luisa Ranieri, che come Lolita è cresciuta in una famiglia matriarcale: «Assolutamente sì, ed è tuttora così: mio cognato Nicola ha due figlie, mia cognata Angela ha due figlie, Luca e io abbiamo Emma e Bianca. Siamo pieni di femmine!». Nella vita lei ha avuto due figure paterne«Mio padre e il secondo marito di mamma, sì. Ma non pensavo a loro mentre recitavo. Perché con mio padre non ho avuto un rapporto simbiotico come Lolita con Petresine, né odiavo il mio secondo papà, anzi: lo adoravo».

Lolita Lobosco

«Grazie alla mia insegnante di italiano mi sono appassionata alla letteratura e da lì al cinema e al teatro»

Da bambina non sognava di fare l’attrice: «In realtà mi vedevo più avvocato o magistrato». La scintilla come è scoccata: «Grazie alla mia insegnante di italiano mi sono appassionata alla letteratura e da lì al cinema e al teatro», ha confidato Luisa Ranieri. La serie è stata prodotta da lei e dal marito e non sarà il solo progetto che i due affronteranno insieme: «Noi ci mettiamo la creatività, siamo “produttori di idee”. Poi, come nel caso di Lolita Lobosco con Bibi Film Tv, ci affidiamo ai produttori che ci mettono l’impegno economico». Alla domanda Se definissero Lolita Lobosco la “Montalbana”, come la prenderebbe?”, l’attrice ha risposto: «Se agli altri servono delle etichette, a me non importa. Ognuno ha la sua sensibilità, “c’amma fa?” Comunque, dato che il “Montalbano” di Luca è la serie che ha avuto più successo negli ultimi 20 anni, sarebbe solo un complimento». Leggi anche l’articolo —> Luisa Ranieri Instagram mozzafiato in intimo, la spallina scivola giù: «Montalbano non si può lamentare…»

Seguici sul nostro canale Telegram

Covid, il bollettino di oggi: 15.146 nuovi casi e 391 morti, stabili le intensive

«L’omosessualità è comportamento a rischio Covid»: bufera sulla Asl di La Spezia, ma c’entra il Ministero