in

Loredana Bertè confessa: «Io vittima della sindrome di Stendhal»

Questa sera, martedì 9 marzo 2021, su Raiuno, andrà in onda lo speciale dedicato a Loredana Bertè, la regina del rock italiano e straordinaria interprete della musica italiana, nell’anno del suo 70esimo compleanno. Lo show, dal titolo “Non sono una signora”, prodotto con Ballandi e condotto da Alberto Matano, per la direzione artistica di Massimo Romeo Piparo, ripercorre la carriera dell’artista, che è stata ospite al Festival di Sanremo. Ed eccoci pronti a svelare un particolare, che forse non tutti sanno sulla cantante, che in passato è stata giudice ad “Amici”.

leggi anche l’articolo —> Verissimo, Loredana Bertè e il drammatico racconto della violenza subita: «Avevo 17 anni»

Loredana Berté

Loredana Bertè: «Io vittima della sindrome di Stendhal»

Tempo fa Loredana Berté ha fatto un’inaspettata ammissione sul suo passato. La cantante, nel rispondere ad alcune domande curiose dei suoi followers sulla pagina Instagram, ha confidato di soffrire di una sindrome poco nota. Si parlava di arte, di passione, di quadri. L’artista ha svelato di esser stata vittima di un episodio di estasi contemplativa, nota come sindrome di Stendhal, di fronte ad una famosa opera di Picasso. Come si legge sul sito “Nurse 24” si tratta di “un disturbo psico-somatico che si manifesta con una sensazione di malessere diffuso associato ad una sintomatologia psichica e fisica, di fronte ad opere d’arte o architettoniche di notevole bellezza, specialmente se si trovano in spazi limitati”.  Un’affezione psicosomatica, detta anche sindrome di Firenze, che provoca tachicardia, capogiri, vertigini e confusione. Ma veniamo alla confessione di Loredana Bertè fatto sui social.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Loredana (@loredanaberteofficial)

La passione per l’arte e il mutismo di fronte alla Guernica

Dicendosi “pazza del Cubismo”, Loredana Berté ha raccontato quanto le è accaduto di fronte all’opera più famosa del suo pittore preferito: Picasso. «Sono rimasta incantata. Posso dire che la sindrome di Stendhal mi ha preso in pieno. Per tre ore l’ho fissata senza dire una parola». La sicurezza si è vista costretta ad intervenire: «Alla fine mi hanno raggiunto delle guardie giurate, dicendomi che stava per chiudere il museo. Sono dovuta andare via ma la mia ultima immagine è stata proprio sulla Guernica», ha concluso all’epoca la cantante. Leggi anche l’articolo —> Loredana Bertè età, altezza, peso, vita privata, carriera discografica: tutto sulla cantante italiana (FOTO)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Loredana (@loredanaberteofficial)

(Foto Instagram Profilo Ufficiale Loredana Berté) 

passaporto vaccinale cina

La Cina lancia il passaporto vaccinale: a che punto siamo in Europa?

Restrizioni Covid, Crisanti cambia idea: “Un altro lockdown sfinirebbe la popolazione”