in

Verissimo, Loredana Bertè e il drammatico racconto della violenza subita: «Avevo 17 anni»

La puntata di ieri, 21 Novembre 2020, di Verissimo è stata incentrata sul delicato e complesso problema della violenza sulle donne. Tra le numerose testimonianze anche quella di Loredana Bertè. La cantante ha parlato dello stupro subito a 17 anni e delle violenze domestiche vissute dalla madre a causa del padre. Un racconto drammatico e toccante che è immediatamente arrivato al cuore dei telespettatori. Loredana appare come una donna forte che non può essere scalfita, ma la sua corazza nasce da una sofferenza passata. Un’infanzia e un’adolescenza segnate da forti dolori. Loredana Bertè ai microfoni di Verissimo si è decisamente raccontata a 360°.

Leggi anche –>Emma Marrone Loredana Bertè, ‘passaggio del testimone’ da 200mila like: «La mia unica erede rock»

Loredana Bertè

Verissimo, Loredana Bertè una vita segnata dalla violenza

Loredana Bertè ha aperto il suo cuore al pubblico di Verissimo. La cantante è tornata indietro nel tempo e precisamente ai suoi 17 anni. Poco più che adolescente ha subìto una violenza che le ha segnato per sempre la vita. Loredana ha dichiarato: «C’era questo ragazzo che mi portava le rose ogni giorno e io da cretina ci sono cascata. Una volta mi ha invitato a cena e io ho accettato. Si è fermato in un posto che era uno scannatoio. Mi ha preso a botte, calci e pugni e mi ha violentata. Sono riuscita a uscirne viva per miracolo. Poi mi sono trovata davanti a un taxi che mi ha portata in ospedale». Poi la Bertè ha aggiunto: «Non ho potuto denunciare, la cosa più atroce è questa, perché allora non era il caso. Me ne sono guardata perché non volevo che mia madre sapesse della violenza, mi sarei sentita in colpa ancora di più perché c’ero andata. Non ho voluto vedere uomini per 5 o sei anni. Sono stata violentata fisicamente ma anche psicologicamente».

Il ricordo doloroso di suo padre

Oltre alla violenza fisica subita a 17 anni, Loredana Bertè viveva in un ambiente familiare difficile. Suo padre era un uomo violento e la cantante sulle violenze domestiche ha dichiarato: «Lui odiava le donne. Ho visto mio padre picchiare mia madre all’ottavo mese di gravidanza, massacrarla di botte fino a farle uscire il sangue. Metteva Beethoven in sottofondo e quando lo faceva qualcuno in casa veniva menato a sangue». Infine, l’artista ha concluso con un messaggio importante a tutte le donne: «Io ne avevo 17 quando sono stata violentata. Alle donne dico, al primo schiaffo denunciate, fatevi aiutare». >> Altre Gossip

Covid, il bollettino di oggi: 34.767 nuovi casi e 692 morti, +10 intensiva

Tu si que vales

Tu si que vales, Rudy Zerbi perde la sfida con Filippo Re e resta in mutande