in

Lucy, rinchiusa in psichiatria per una diagnosi sbagliata ora è una modella di successo

Lucy Dawson, è stata rinchiusa per mesi in un’unità psichiatrica a causa di una malattia cerebrale debilitante che i medici hanno diagnosticato erroneamente. Ora è una modella di successo. «Sono stata rinchiusa in un’unità psichiatrica dopo che i medici hanno diagnosticato erroneamente la mia malattia cerebrale, ora sono una top model»

>> “Ma che hai fatto!” 28enne si trasforma per essere identica alla famosa Star americana

Lucy

La storia di Lucy

Lucy Dawson, 24 anni, di Lincoln, Lincs, è passata dal vivere la vita come una normale studentessa a essere confinata in un letto d’ospedale, combattendo una malattia potenzialmente fatale. Pompata con psicofarmaci il suo corpo ha iniziato a spegnersi. Ai suoi genitori fu detto che probabilmente sarebbe morta. Lucy ha persino ricevuto scariche elettriche nel cervello durante il suo 21esimo compleanno, mentre i medici cercavano disperatamente di curare la sua condizione. Si scoprì che, la coraggiosa Lucy, non aveva una condizione psichiatrica, ma soffriva di una rara malattia cerebrale chiamata encefalite. Questa malattia provoca infiammazione cerebrale e può portare a convulsioni e morte. Dopo tre mesi, Lucy riceve finalmente la giusta diagnosi. Dopo essersi ripresa, ora è una modella di successo. Lucy ha confessato: «I miei genitori pensavano di avermi letteralmente perso, quando è stato detto loro che sarei morta. Mi sedevo e piangevo».

Lucy

Tutto iniziò con una crisi isterica

I problemi di Lucy iniziano quattro anni fa quando incomincia a soffrire emicranie intense. Molto depressa la ragazza trascorreva la maggior parte del tempo a letto. «I miei amici hanno detto che era come se avessi cambiato completamente la mia personalità», ha ricordato. Di punto in bianco Lucy ha avuto due episodi maniacali. Ha fatto a pezzi la sua stanza iniziando a ridere e piangere in modo isterico. I suoi genitori si precipitano ad aiutarla e viene portata al Lincoln County Hospital. Lungo la strada Lucy aveva cercato di saltare giù dalla macchina, e aveva strappato tutte le tende nell’area di attesa dell’ospedale. Ricoverata nell’unità psichiatrica Lucy rimase lì per tre mesi fino a quando le diagnosticano correttamente l’encefalite.

Lucy venne pompata con un cocktail di psicofarmaci e il suo corpo iniziò a spegnersi a causa della malattia del cervello. «Per tutto il tempo, hanno creduto che stessi avendo un esaurimento nervoso. In effetti ero malata e potevo parlare sempre meno ogni singolo giorno. Non avevo senso. Alla fine, sono diventata catatonica, quindi non potevo non muoverti affatto». Per il 21esimo compleanno di Lucy i medici hanno detto ai suoi genitori che stava morendo. Così hanno provato la terapia con l’elettroshock per far esplodere piccole correnti nel suo cervello. Trasferita in un nuovo letto d’ospedale, Lucy continuava ad avere queste enormi crisi. Una volta, ha avuto un attacco così violento che è caduta dal letto e si è bruciata su un termosifone scoperto.

Lucy

La sua carriera nella moda

Lucy fu dimessa dall’ospedale a Natale, ma non poteva camminare e ha dovuto usare una sedia a rotelle per spostarsi. Finalmente a gennaio le diagnosticano l’encefalite. Lentamente, Lucy si riprende e riesce persino a laurearsi. Zebedee Model Management la nota e la inserisce nel gruppo di persone disabili in servizi di moda. Ora è una modella a tempo pieno per i principali marchi, tra cui Ann Summers e PrettyLittleThing. La dott.ssa Ananta Dave, direttrice medica del Lincolnshire Partnership NHS Foundation Trust, ha dichiarato: «Siamo veramente dispiaciuti per qualsiasi cura che sia scesa al di sotto dei nostri standard previsti e per l’impatto che ha avuto su Lucy e la sua famiglia. Ci impegniamo a fornire un’assistenza sicura e di alta qualità ai pazienti e disponiamo di un solido processo di indagine interna per trarre insegnamenti per il futuro». >> tutte le news di Urbanpost

 

Pompe di calore Immergas e Superbonus 110%

Francesco Totti e Ilary Blasi passeggiata a Villa Borghese tra sketch divertenti: «Oh, pedalo solo io!»