in

Chi era Luisa Spagnoli, dal “Bacio Perugina” alla catena d’abbigliamento: storia di un’impresa italiana

Qual’è la vera storia di Luisa Spagnoli? Conosciuta in tutto il mondo per la sua incredibile abilità di creare abiti da donna, dietro la sua figura c’è qualcosa di più inteso. Luisa, tra le altre cose, è anche famosa per aver creato l’idea del celebre “Bacio” della Perugina. Questa donna è stata una figura innovativa molto importante per il panorama industriale italiano del primo Novecento: ecco la sua storia.

>> Chi è Luisa Ranieri: carriera e vita privata dell’attrice

Luisa Spagnoli

Luisa Spagnoli: biografia

Luisa Sargentini nasce il 30 Ottobre del 1877 da un pescivendolo. La sua storia imprenditoriale comincia dopo il suo matrimonio con Annibale Spagnoli. Poco più che ventenne Luisa convince il neo marito ad acquistare una drogheria nel centro della città, dove, senza saper nulla di dolci, comincia a produrre e vendere confetti. Dopo poco, nel 1907, Luisa ha già avuto un inerme successo ma l’inarrestabile donna dalle mille peculiarità decide di allagarsi. Infatti apre insieme a Francesco Buitoni, il patron della pasta, quella che sarebbe diventata la storica Perugina. Nonostante il primo conflitto mondiale, alla fine della guerra l’azienda gestita oramai solo da Luisa Spagnoli e i suoi figli è una manifattura affermata con all’interno oltre 100 dipendenti. Entrata nel consiglio di amministrazione aziendale, Luisa Spagnoli cerca di costruire strutture sociali solide che migliorino le condizioni dei lavoratori all’interno dell’azienda che, intorno al 1920, aveva il dipartimento dolciario più innovativo d’Europa. Luisa Spagnoli, dopo aver dato alla luce tre figli maschi, introduce nella sua attività il diritto all’allattamento e una nursery. 

Luisa Spagnoli

Angora Spagnoli

Alla fine della prima guerra mondiale, Luisa è un’imprenditrice a tutti gli effetti: decide così di passare dal settore dolciario a quello tessile. Cimentandosi nell’allevamento dei conigli per la produzione della pregiata lana d’angora. Ed è qui che nasce l’Angora Spagnoli di cui, alla Fiera di Milano, si parlerà come azienda produttrice di “ottimi prodotti”. Il successo imprenditoriale di Luisa Spagnoli, insomma, è indiscusso oltre che innovativo: nei difficili anni ’40, le aziende Spagnoli regalavano ai propri operai calze in lana del valore di 4mila lire ma non solo. Luisa, infatti, decide di costruire per i propri dipendenti delle villette a schiera ma anche asili nido e una piscina all’interno dello stabilimento. Nonostante la morte prematura avvenuta a soli 58 anni, i figli Mario e Annibale continueranno sui passi della madre creando la rete commerciale “Luisa Spagnoli” che, presente in tutto il mondo ancora oggi, ha come base la città di Perugia.

Luisa Spagnoli e Giovanni Buitoni

Bacio Perugina: il simbolo dell’amore tra Luisa e Giovanni

La storia d’amore tra Luisa e Giovanni nasce proprio tra i pilastri dell’azienda che porteranno avanti insieme. In quel periodo infatti Annibale, il marito della Spagnoli, si allontana. Luisa e Giovanni, 14 anni più giovane, iniziano una relazione, ma silenziosa e discreta, che rimane avvolta nella riservatezza e quasi nel mistero. I due rimarranno assieme fino alla morte prematura di Luisa nel 1935, ma non andranno mai a convivere. Il noto cioccolatino diventerà poi il simbolo del loro amore. Infatti su proprio Giovanni a tramutare il nome della pralina al cioccolato in Bacio Perugina. >> tutti i gossip di Urbanpost 

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Abraham Garcia età

Abraham Garcia, chi è il discusso ex di Giulia Salemi: curiosità su quella ‘volta a tre’

vaccino AstraZeneca

Vaccino anti covid, Mario Draghi punta a 200mila somministrazioni giornaliere