in

Manerba, la morte del 20enne Samuele Freddi si tinge di giallo: disposta l’autopsia

Troppi dubbi sulla scomparsa del 20enne di Manerba. Per questa ragione è stata disposta l’autopsia per fare chiarezza sulle cause della morte di Samuele Freddi. Un dramma che ha sconvolto l’intera comunità. Il giovane è deceduto sabato notte, tra le mura di casa, a Balbiana, per un arresto cardiocircolatorio. Ma cosa l’ha determinato? Si è trattato di un semplice malore o ad incidere potrebbe essere stato un evento esterno? Toccherà ai Carabinieri di Salò, guidati dal capitano Luca Starace, nell’ambito dell’inchiesta coordinata dalla pm Maria Cristina Bonomo, far luce su tutto questo e sciogliere i nodi sul decesso.

leggi anche l’articolo —> Sara Pedri, arrivano i Nas nel reparto di ginecologia del Santa Chiara: si cercano prove del presunto clima vessatorio

Manerba

Manerba, la morte del 20enne Samuele Freddi si tinge di giallo: disposta l’autopsia

È avvolta nel mistero la morte di Samuele Freddi, il giovane di 20 anni, che si è sentito male in casa e mai più ripreso. Gli inquirenti vogliono vederci chiaro, per questo, mercoledì mattina è stata disposta l’autopsia per far luce sulle cause del decesso del ragazzo. Con il passare delle ore sono emersi nuovi particolari: pare che il giovane fosse stato coinvolto in una zuffa. Non una lite vera e propria, come sottolinea ‘Today’, piuttosto un gioco tra amici. Come riporta anche “Caffeina”: “In quell’occasione il 20enne si sarebbe procurato una brutta caduta, con trauma cranico: è stato medicato all’ospedale di Gavardo e poi subito dimesso. Solo qualche ora più tardi, infine, la tragedia: Samuele Freddi si è sentito male in casa ed è stato il padre Francesco ad allertare per primo il 112”. Sul posto sono giunte oltre ad un’ambulanza e all’automedica anche un elicottero. Ma non c’è stato modo di salvarlo: rianimato a lungo, il giovane non ce l’ha fatta. 

manerba

Era un grande appassionato di basket

Samuele Freddi aveva compiuto 20 anni meno di un mese fa. Aveva frequentato le medie a Manerba e poi le superiori al Battisti di Salò. Era un grande appassionato di basket, fino a un paio d’anni fa indossava la casacca del New Best Basket di Mazzano. Anche la società l’ha voluto ricordare con una breve quanto commovente nota. La sua scomparsa ha gettato nello sconforto i suoi genitori che non si danno pace. Una famiglia la cui tranquillità è spezzata per sempre. Leggi anche l’articolo —> Piacenza, coppia in Vespa travolta da un’auto sulla provinciale: i due giovani morti sul colpo

Green pass discriminatorio

Green pass obbligatorio, ci salva l’Europa: “È discriminatorio”

Paola Casali scomparsa in Sicilia 10 anni fa, riaperte le indagini: il mistero dopo l’incontro con un uomo a Catania