in

Ciontoli nuovo processo, fissata data: 8 luglio 2020, il giorno della verità per Marco Vannini si avvicina

Omicidio Marco Vannini, il nuovo processo a carico dei Ciontoli inizierà il prossimo 8 luglio 2020. Adesso c’è la data certa del processo d’Appello bis disposto dalla Corte di Cassazione, che lo scorso febbraio ha annullato la blanda sentenza di secondo grado a carico degli imputati e rinviato tutto ad un nuovo processo.

Ciontoli nuovo processo d’Appello, fissata la data: 8 luglio 2020 prima udienza

Se dunque l’emergenza sanitaria da Coronavirus non causerà rinvii, l’8 luglio avrà inizio il nuovo processo tanto auspicato dalla famiglia Vannini, ancora in attesa di giustizia a 5 anni dai terribili fatti accaduti. Il processo per la morte del bagnino 20enne di Cerveteri ripartirà dunque dall’Appello bis dopo che la Suprema Corte ha parlato in maniera molto chiara in merito alle responsabilità di tutti i membri della famiglia Ciontoli e non solo del capofamiglia Antonio, che si è assunto la responsabilità dello sparo al povero Marco: “Tutta la famiglia Ciontoli sapeva che era stato esploso un colpo e ha tenuto un comportamento mendace, che ha ritardato i soccorsi per Marco Vannini”.

Omicidio Marco Vannini: il giorno della verità è sempre più vicino

C’è attenzione per questo processo […] il cammino verso la giustizia prosegue. Ci sembrava verosimile iniziare il processo entro l’estate, con l’emergenza del Coronavirus abbiamo temuto un allungamento dei tempi, ma così non è stato. Significa che danno un’attenzione a questo processo che può solo renderci sereni e fiducioso. L’8 luglio si riprende dai punti messi nella sentenza di Cassazione”, queste le parole dell’avvocato Celestino Gnazi, che assiste la famiglia vannini, a Leiene.it. Marco morì dopo essere stato ferito con un colpo di arma da fuoco esploso a bruciapelo, la notte a cavallo fra 17 e 18 maggio 2015. In appello Antonio Ciontoli era stato condannato a soli 5 anni di reclusione per omicidio colposo (14 in primo grado per omicidio volontario, poi ridotti) e i suoi familiari a 3 anni nei due gradi di giudizio. Assolta in primo e secondo grado Viola Giorgini, fidanzata di Federico Ciontoli, che era accusata di omissione di soccorso. Leggi anche —> Marco Vannini, le parole incredibili di Martina: «Per me non è mai stato grave», ma il bossolo di pistola la smentisce

.

 

Farine: tra benessere e gusto

Benedetta Mazza Instagram, la scollatura profonda è da capogiro: «Tanta roba!»