in

Matteo Renzi: «Craxi un gigante rispetto ai politici di oggi. Ha avuto più coraggio di altri!»

Ospite a L’aria che tira su La7 Matteo Renzi ha speso qualche parola su Bettino Craxi, presidente del Consiglio dei ministri dal 4 agosto 1983 al 17 aprile 1987, morto ad Hammamet il 19 gennaio 2000. Il leader di Italia Viva ha elogiato il Segretario del Partito Socialista Italiano: «Craxi è una grandissima figura di questo Paese, un gigante rispetto ai politici di oggi, anche se non provengo da quella cultura politica. E riconosco anche che lui ha avuto più coraggio di tanti altri. Io non la penso come i populisti, perché sono abituati a dare giudizi in bianco e nero!».  

Matteo Renzi Craxi

Matteo Renzi: «Craxi un gigante rispetto ai politici di oggi. Ha avuto più coraggio di tanti altri!»

Matteo Renzi ha proseguito: «Non possiamo ignorare che la giustizia italiana ha condannato Craxi con sentenza passata in giudicato. Ma onestà intellettuale vuole che si dica che Craxi è stato condannato col presupposto secondo cui non poteva non sapere, cioè non è stato trovato coi soldi per sé e per i fatti suoi!». Un personaggio politico con cui l’ex premier si è ‘confrontato’ quando era poco più che un ragazzo: «Mi sono avvicinato alla figura di Craxi quando ero studente. Ho preso la maturità nel ’93 e in quegli anni tutti noi studenti delle scuole superiori vedevamo in Craxi il male. C’era un racconto, quasi un pensiero unico contro Craxi anche nei giornali. Faceva eccezione forse solo “Il Giorno” di Paolo Liguori, ma tutti gli altri giornali erano contro Craxi. Eppure Craxi ha scritto pagine pazzesche di riformismo nella storia della Repubblica italiana!», ha detto Renzi.

Renzi

«Vengo da una cultura che ha sempre visto Craxi come avversario!»

L’ex sindaco di Firenze non ha visto ancora il film di Gianni Amelio, Hammamet, con protagonista Pierfrancesco Favino. Matteo Renzi ha ammesso anche di non sentirsi l’erede della tradizione riformista di Craxi: «Bisogna essere molto onesti intellettualmente. Se ci paragoniamo ai politici di oggi, noi di Italia Viva abbiamo tutte le nostre carte da giocare. Ma con la stessa onestà intellettuale dico che certi personaggi del passato, rispetto ai politici di oggi, come me, loro sono dei giganti. Mi riferisco a Craxi, a Moro, a De Gasperi!». Sul finale: «Non metterei nel mio Pantheon Craxi, perché vengo da una cultura che ha sempre visto Craxi come avversario. Ma conoscendo di più la sua storia, dico che Craxi deve stare comunque a un posto incredibile della storia del Paese!». 

Renzi Craxi

leggi anche l’articolo —> Claudio Martelli su Bettino Craxi: “Se non fosse fuggito, avrebbe fato la fine di Moro”

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

giovanni custodero

Giovanni Custodero, la fidanzata: «Ha chiesto di portare avanti, in suo nome, la battaglia per l’eutanasia»

Valentina Vignali

Valentina Vignali Instagram, irresistibile in intimo sul letto: «Che spettacolo»