in

Napoli calcio, Luciano Spalletti conferenza stampa: «Sogno da sempre queste grandi sfide»

Domani 11 settembre 2021 alle ore 18.00 scenderanno in campo Napoli-Juventus per una gara valida per la terza giornata di campionato di Serie A. Lo scontro tra le due squadre andrà in scena in casa del Napoli e potrà essere seguito in diretta su DAZN. In queste ore si è svolta la conferenza stampa di Luciano Spalletti, allenatore del Napoli. Nel giorno di vigilia del big match, Spalletti, dal centro sportivo di Castel Volturno, ha fatto il punto della situazione sulla rosa che scenderà in campo e non solo. Vediamo insieme le sue parole.

Napoli calcio Luciano Spalletti

Napoli calcio, Luciano Spalletti conferenza stampa

Nel giorno di vigilia del match Napoli-Juventus, Luciano Spalletti, dal centro sportivo di Castel Volturno, ha presentato la partita in conferenza stampa. L’allenatore ha esordito dicendo: «Chi ha sognato il pallone fin da bambino come me sognava queste grandi sfide, queste partite, il gusto della rivalità, il gusto della sfida importante. È ciò che anche i calciatori, essendo calciatori del Napoli, vogliono fare, andare a giocare. Siamo nella situazione ottimale, quella che abbiamo sempre sognato». Poi alla domanda “Napoli-Juventus da Scudetto per Allegri, pensiero reale o per scaricare pressione?”, il mister del Napoli ha risposto: «È un pensiero reale perché Allegri conosce bene quell’ambiente lì. E poi basta vedere i risultati degli ultimi anni. Quando fai parte della Juventus l’obiettivo deve essere quello. Secondo me ha detto la verità».

ARTICOLO | Juventus, Massimiliano Allegri conferenza stampa: «Ho deciso di lasciare i sudamericani a casa»

ARTICOLO | Diretta Napoli-Juventus, dove vederla e le probabili formazioni: tutto sul match di Serie A

Le parole del Mister su Insigne

Sempre durante la conferenza stampa, Luciano Spalletti, ha parlato anche di Insigne: «Sta benissimo. A volte si fa fatica a trovare le parole giuste per provare a coinvolgere i calciatori nell’appartenenza e nell’attaccamento alla maglia e fargli capire l’importanza dell’essere protagonisti. A volte diventa molto più facile perché basta dire dei nomi, in questo caso qui se dici Insigne, Koulibaly, Ospina per quello che ho visto in questi giorni, basta fargli questi esempi e si va alla polpa del discorso. Insigne ha fatto vedere di essere uno che ha a cuore questa maglia, quest’amore per la maglia che gli fa superare qualsiasi ostacolo gli si ponga davanti. E come lui ce ne sono altri. Vedere Koulibaly che cambia il volo perché lo trova meglio per due volte, poi arriva all’ultimo momento e viene direttamente nello spogliatoio, senza passare di casa, è tanta roba da un punto di vista di portare degli esempi pratici che siano prendibili. Se stacchiamo un pezzetto di Koulibaly per tutti diventa più facile».

Roma Sassuolo

Diretta Roma-Sassuolo, dove vederla e le probabili formazioni: tutto sulla partita di Serie A

Morte Laura Ziliani, sonnifero nella tisana: ipotesi avvelenamento, attesa per esito esami tossicologici