in

Omicidio Samuele, Cannio: “L’ho lasciato cadere, poi sono andato a mangiare una pizza”

Omicidio Samuele – Martedì 21 settembre 2021. “L’ho preso in braccio, mi sono sporto e l’ho lasciato cadere giù. Poi sono andato a mangiarmi una pizza”. È questo il racconto choc fatto agli inquirenti da Mariano Cannio, l’uomo di 38 anni, accusato dell’omicidio del piccolo Samuele, il bimbo di 4 anni precipitato nel vuoto venerdì scorso a Napoli. Come riporta “TgCom24” si è trattata di una deposizione poco chiara, frammentata. Più che comprensibile, tenendo conto che il maggiordomo, come è conosciuto nel Rione, soffre di problemi psichici. 

leggi anche l’articolo —> Bimbo morto a Napoli, spunta un video inquietante. Appello della madre: “Non diffondete”

omicidio samuele

Omicidio Samuele, Cannio: “L’ho lasciato cadere, poi sono andato a mangiare una pizza”

Mariano Cannio ha ricostruito in maniera confusa i fatti di venerdì scorso. Non è ancora chiaro cosa sia successo davvero al piccolo Samuele prima che cascasse giù dal balcone di casa sua: “Ad un tratto l’ho preso in braccio e sono uscito fuori… giunto all’esterno con il bambino tra le braccia mi sono sporto e ho lasciato cadere il piccolo. Ho immediatamente udito delle urla provenire dal basso e mi sono spaventato consapevole di essere la causa di quello che stava accadendo”. Il 38enne ha poi aggiunto: “Sono fuggito a casa e sono andato a mangiare una pizza nella Sanità”. Tutto questo mentre il bimbo di 4 anni giaceva senza vita sul marciapiede, tra la disperazione dei genitori e delle persone scese in strada.

omicidio samuele

«Ho avuto un capogiro», cosa ha detto poi agli inquirenti

La prima versione però ha lasciato poi il posto ad un’altra tutta da verificare: “Ho avuto un capogiro”, ha precisato Mariano Cannio alla presenza del suo difensore d’ufficio. Il malessere gli avrebbe fatto perdere il controllo della situazione: “Fuori al balcone, avendo sempre il piccolo in braccio, e appena uscito in prossimità della ringhiera, ho avuto un capogiro. Mi sono affacciato dal balcone mentre avevo il bambino in braccio perché udivo delle voci provenire da sotto a questo punto lasciavo cadere il bambino di sotto”, ha raccontato in un secondo momento agli inquirenti. Non una pizza, avrebbe fatto altro: “Mi sono steso sul letto e ho iniziato a pensare a quello che era accaduto, dopo sono sceso e sono andato a un bar in via Duomo ed ho preso un cappuccino e un cornetto, poi sono rientrato a casa dove mi avete trovato”, ha detto il 38enne.

bambino morto Napoli

Omicidio Samuele a Napoli, convalidato per il maggiordomo il fermo: disposto per Mariano Cannio il carcere

Dichiarazioni contrastanti, divergenti. Il gip Valentina Gallo ha convalidato il fermo nei confronti di Cannio e disposto il carcere, riscontrando il pericolo di fuga. L’uomo, infatti, non è stato prelevato a casa, ma fuori. Gli agenti lo hanno trovato in un altro appartamento. Inizialmente l’uomo ha fatto finta di non esserci: per convincerlo ad aprire la porta i poliziotti hanno utilizzato l’espediente di una bolletta della luce. L’hanno passata sotto la porta e qualcuno (Cannio appunto) dall’altra parte l’ha afferrata, convinto che le forze dell’ordine fossero andate via. Leggi anche l’articolo —> Omicidio Samuele: chi è Mariano Cannio, l’uomo fermato dalla Polizia a Napoli

Seguici sul nostro canale Telegram

babjak

L’arcivescovo Babjak positivo al Covid: ha celebrato la messa con Papa Francesco

Justin Trudeau

Chi è Justin Trudeau: carriera, vita privata e curiosità sul primo ministro del Canada