in

Penne personalizzate ed ecologiche: il nuovo trend tra le penne gadget

Che le penne personalizzate siano uno degli articoli promozionali più in voga non è certo una novità. Alcune volte ci si domanda perché siano ancora tra i gadget aziendali più scelti per omaggi a clienti o potenziali tali. La risposta è semplice: sono usatissime e quindi molto apprezzate, il logo impresso sulle penne riesce ad essere ben visibile anche se di piccole dimensioni, costano davvero molto poco, a meno che non si scelgano modelli “luxury”.

Un altro aspetto importante riguardo alle penne personalizzate è che di anno in anno vengono fatti degli aggiornamenti sui materiali, motivo per cui riescono sempre ad essere di tendenza.vIn questo periodo l’attenzione si è spostata sulle penne personalizzate ecologiche, ovvero penne realizzate con materiali eco-friendly oppure con elementi naturali. I produttori e importatori di gadget aziendali hanno studiato, ricercato e realizzato penne con materie prime davvero variegate.

Alcuni esempi?

Esistono penne personalizzate realizzate in carta riciclata, sono morbide e confortevoli al tatto e danno davvero la sensazione di oggetti sostenibili. Alla fine del loro utilizzo, togliendo il tubicino dell’inchiostro, si possono gettare nella raccolta differenziata della carta per dar loro nuova vita.

Parlando invece di elementi naturali, le penne si possono trovare sul mercato in legno, bambù, sughero già da un po’ di anni ma sono quelle realizzate in acido polilattico (PLA) o con gli scarti del caffè che stanno attirando l’attenzione dei più attenti al fattore ecologico. Le penne personalizzate in PLA sono realizzate con una bioplastica biodegradabile e compostabile. Si tratta di un materiale derivato dalla trasformazione degli zuccheri presenti in mais, barbabietola, canna da zucchero e altri materiali naturali rinnovabili e non derivati dal petrolio (a differenza della plastica tradizionale). Questa bioplastica si degrada rapidamente nel terreno una volta raggiunte le condizioni di temperatura e umidità necessarie. L’aspetto è notevolmente simile alla plastica ordinaria, quindi può essere lavorata per ottenere la forma e il colore che vogliamo per quell’oggetto.

Le penne realizzate con gli scarti del caffè permettono di fare un recupero del fondo del caffè che altrimenti andrebbe buttato. Sapete che ogni anno produciamo 50 miliardi di chili di scarti di caffè? Adesso abbiamo trovato un modo per riutilizzarli e fargli prendere nuova vita!

Passiamo ora ad un’altra tipologia di penna, quella fatta con la plastica riciclata. Con l’RPET vengono ormai prodotti tantissimi gadget ed è davvero un ottimo modo per recuperare la plastica vergine buttata via per dargli nuova vita. L’aspetto della plastica riciclata è identico a quello della plastica normale, dunque perché non acquistare penne personalizzate in plastica riciclata?

Se invece vogliamo usare la fibra di paglia di grano o la fibra di bambù, ecco che esistono delle penne che, unite ad una percentuale di plastica, vengono realizzate proprio con gli scarti dell’agricoltura che altrimenti verrebbero bruciati causando inquinamento atmosferico. L’aspetto di questo nuovo materiale che si crea è subito riconoscibile, dà l’impressione di essere naturale. È vero che viene utilizzata la plastica per crearlo ma non più del 50% rispetto a delle penne in plastica vergine normalmente utilizzate. Potete cercarle sotto il nome di penne in fibra di paglia, troverete tantissimi modelli e colori!

Vi abbiamo conviti che le penne personalizzate ecologiche siano la migliore soluzione per la vostra prossima promozione? Per saperne di più visitate il sito multilingua, qui nella versione tedesca, HiGift!

Massimo Bossetti, la sorella ha cambiato cognome: era «impossibile trovare lavoro»

Mascherine all'aperto discoteche

Covid, mascherine all’aperto via a luglio e discoteche aperte: il parere del sottosegretario Costa