in

“Perchè guariremo”: lo strano caso del libro di Roberto Speranza pubblicato, ma mai uscito

“Perchè guariremo”, lo strano caso del libro che non si trova. Simonetta Sciandivasci, giornalista de ‘Il Foglio’, dedica un articolo al volume del ministro della Salute Roberto Speranza, la cui uscita era prevista per ieri, giovedì 22 ottobre. Sin dalle prime ore del mattino il libro risultava sparito sui principali store online, irreperibile. Su Google c’è traccia soltanto di alcuni articoli, che ne anticipavano il debutto nelle librerie. Pezzi caratterizzati da mordace ironia, come a dire: “con tutto quello che è successo, pandemia in corso, Speranza ha trovato pure il tempo di scrivere?”. Cosa è accaduto? Secondo l’ufficio stampa Feltrinelli sentito da ‘Il Foglio’ l’opera è stata sospesa.

leggi anche l’articolo —> Coronavirus Lombardia, Fontana: «Se impennata continua, possibile lockdown»

perchè guariremo speranza

“Perchè guariremo”: lo strano caso del libro di Roberto Speranza pubblicato, ma mai uscito

Nell’articolo pubblicato qualche ora fa su ‘Il Foglio’ si legge il botta e risposta con l’ufficio Stampa ‘Feltrinelli’: “Il libro è stato sospeso, non era il caso di farlo uscire con quest’altra catastrofe incombente, già che poi il ministro non era mai stato troppo convinto di scriverlo. Chiediamo se prima o poi uscirà. Risposta: chissà. Chiediamo chi ha fermato la pubblicazione. Risposta: chissà. Chiediamo se possiamo parlare con l’editor del ministro, che poi è responsabile della saggistica Feltrinelli. Risposta: attenda. Attendiamo. Chiamiamo il portavoce del ministro, ci dice gentilmente che sta per entrare in una riunione e non ha tempo e sentiamoci magari tra tre ore ché il ministro è “sotto pressione per via della recrudescenza del virus”. Tutto tace, ma il mistero resta: che fine ha fatto il libro scritto dal ministro della salute Roberto Speranza?

perchè guariremo speranza

«Ho deciso di scrivere nelle ore più drammatiche della tempesta»

Su Google Book qualche stralcio del libro “Perchè guariremo”: «Ho deciso di scrivere nelle ore più drammatiche della tempesta, perché non possiamo più permetterci di essere colti disarmati di fronte alla violenza di una eventuale nuova pandemia». Nella premessa il ministro della Salute scrive: «Non ci sono dubbi. Guariremo. Ma c’è una lezione di cui far tesoro per costruire il futuro del nostro paese. Una lezione dura da cui dobbiamo ripartire aprendo subito un grande dibattito pubblico. Non perdere la memoria di quanto accaduto in questi mesi è il primo motivo che mi ha spinto a scrivere questo libro». Speranza sottolinea sempre nelle prime battute del libro come negli anni avvenire sia fondamentale investire nella sanità italiana: «È il patrimonio più prezioso che abbiamo». Leggi anche l’articolo —> Trivulzio Milano, torna l’incubo Coronavirus: positivi 14 ospiti e 5 dipendenti

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Max Pezzali con Fabio Volo e il figlio Hilo in “Qualcosa di nuovo”

Chi è Fabio Caressa, il giornalista sportivo più famoso d’Italia