in

Pif in piazza con le Sardine: «Salvini? Tirava le uova in faccia a D’Alema: noi non siamo così»

Il 19 gennaio 2020, sul palco della manifestazione delle Sardine a Bologna, ci sarà anche Pif, all’anagrafe Pierfrancesco Diliberto, noto regista, sceneggiatore e attore di origini palermitane. Il 47enne, in un’intervista a Il Corriere della sera, ha fatto sapere di sposare appieno la causa del movimento nato proprio a Piazza Maggiore, cuore pulsante del capoluogo emiliano. «Mi hanno telefonato dando per scontato che sposassi la causa. E hanno fatto bene. Finalmente mi sento meno solo. Di colpo mi ritrovo tra tanta gente che ha voglia di manifestare perché non si riconosce in una certa politica. In America su tutto questo ci avrebbero già fatto un film», ha spiegato.

leggi anche l’articolo —> Rita Pavone: «Matteo Salvini mi difende? Gli dico ‘grazie’ come lo dicevo a Palmiro Togliatti»

Pif

Pif in piazza con le Sardine a Bologna: «Grazie a loro adesso mi sento meno solo»

Pif ha spiegato che andrà a Bologna «anche per conoscere i fondatori, ringraziarli», ma soprattutto perché «scendere in piazza è meraviglioso e importantissimo»: «Perfino la mafia temeva le piazze. Questi ragazzi hanno fatto tornare le persone a manifestare in un’epoca in cui il massimo sforzo è mettere un like», ha affermato il 47enne siciliano, che ha poi aggiunto: «Tra le Sardine poi non tutti necessariamente la pensiamo allo stesso modo, ma tutti contestiamo una certa visione politica». Pdf ha detto la sua anche sull’eventualità che le Sardine diventino un partito: «Possibile, ma sarebbe un’altra cosa, diversa. Questi ragazzi hanno portato a casa un successo enorme: qualunque cosa diventeranno, nulla sporcherà la loro partenza». Non è la prima volta che il regista de Momenti di trascurabile felicità scende in piazza: in passato lo ha fatto alle manifestazioni antimafia, trovandole però quasi sempre inspiegabilmente deserte. «Mi hanno fatto tornare loro la voglia. Ho già pronto l’abbigliamento: ho comprato online una maglietta con la scritta Bologna Padania. Mi piace vestire vintage», ha chiarito il popolare regista.

Pif

«Salvini? Quando aveva l’età delle Sardine lui tirava le uova in faccia a D’Alema: noi non siamo così»

Sardine e Salvini due rette parallele? Sono su poli opposti? Pif non ha dubbi: «Parlo a nome mio, però certo si fatica a immaginare Salvini tra le Sardine. È il simbolo di quella politica che mettiamo in discussione e che riteniamo pericolosa. Ma non si può ridurre tutto a un movimento anti-Salvini». E ancora parlando del leader della Lega ha aggiunto: «Quando aveva l’età delle Sardine lui tirava le uova in faccia a D’Alema: noi non siamo così». L’esposizione mediatica e il ‘metterci la faccia’ non spaventano affatto il regista: «Lo spettacolo è legato alla politica. So per certo di aver pagato le mie prese di posizione, ma ho le spalle larghe per andare avanti. Certo, a volte ho un tempismo che mi dico: sei proprio un cretino. Ma se sono arrivato fino a qui è perché sono fatto così», ha concluso.

leggi anche l’articolo —> Leo Gullotta: «Le Sardine sono una speranza dopo un 2019 brutale»

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

laura torrisi instagram

Laura Torrisi Instagram, struggente ricordo: «Un anno senza te, resterai sempre nel mio cuore»

Imparare a suonare la chitarra, l’utilità di un corso online