in

Poliziotto ucciso a Napoli, la vedova: «Nulla sarà più come prima per me e i nostri bambini»

«Voglio guardare negli occhi gli assassini di mio marito, voglio fissare il loro sguardo», sono parole piene di rabbia, ma soprattutto di dignità, quelle della vedova di Pasquale Apicella, il poliziotto ucciso a Napoli la notte tra il 26 e il 27 aprile. Il 37enne, in servizio, era sulla volante assieme ad un collega, quando è stato travolto dall’auto di alcuni malviventi che scappavano dopo una rapina in banca. Pasquale Apicella, conosciuto da tutti come Lino, lascia la sua compagna e due bambini. Lo piangono familiari, amici e colleghi tutti.

Poliziotto ucciso napoli

Poliziotto ucciso a Napoli, la vedova: «Nulla sarà più come prima per me e i nostri bambini»

Giuliana Ghidotti, 33 anni, vedova del poliziotto ucciso a Napoli, ha provato ad esprimere il proprio dolore con le parole affidate all’avvocato di fiducia, il penalista Gennaro Razzino, pubblicate su ‘Il Mattino’. «La vita della nostra famiglia è stata colpita da una disgrazia senza eguali. Io e i miei figli abbiamo salutato Lino domenica sera quando è uscito per il suo turno di lavoro e non lo abbiamo più visto, non lo potremo più riabbracciare perché ci è stato strappato via mentre, con coraggio, faceva il suo dovere», ha dichiarato la donna. La vedova di Apicella è spaventata dal domani: «Nulla sarà più come prima per me e per i nostri bambini e non sappiamo come potrà essere il nostro futuro senza di lui».

Poliziotto ucciso napoli

«Ringrazio tutti quelli che hanno pianto insieme a me e ai miei bambini la perdita del nostro amato Lino»

La vedova di Pasquale Apicella ha voluto ringraziare «tutti quelli che hanno pianto insieme a me e ai miei bambini la perdita del nostro amato Lino». Giuliana Ghidotti non si è sentita sola: «In questa immane tragedia, ho sentito forte il sostegno e l’abbraccio innanzitutto delle Istituzioni tutte, del Corpo della Polizia di Stato, delle forze armate, dei corpi armati dello Stato, vigili del fuoco e amministrazioni locali e di tantissimi concittadini che hanno voluto dimostrare la loro vicinanza con un gesto di tangibile solidarietà. Giunga dal più profondo del cuore il mio grazie a tutti quelli che hanno pianto insieme a me e ai miei bambini la perdita del nostro amato Lino».

Poliziotto ucciso napoli

Poliziotto ucciso a Napoli: l’omaggio commovente dei colleghi

E proprio in queste ore stanno girando sui social le commoventi immagini del saluto militare da alcune pattuglie della polizia, proprio sotto l’abitazione del poliziotto. «Guarda, sono i colleghi di papà», dice un parente alla figlia più piccola affacciata al balcone. Picchetto d’onore anche all’esterno della Questura da parte dei Carabinieri e della Guardia di Finanza. Tutto per omaggiare un agente morto mentre faceva il suo lavoro. Intanto, ieri, il gip del Tribunale di Napoli ha convalidato il fermo per i rapinatori di etnia rom che erano stati arrestati. I quattro malviventi rimarranno in carcere. leggi anche l’articolo —> Napoli ragazzo autistico si perde nei vicoli, agente lo trova e prende per mano: la foto diventa virale

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

lega occupa parlamento

Lega occupa Parlamento, proteste contro fase 2: notte in Aula anche per Matteo Salvini

maria teresa buccino

Maria Teresa Buccino voluttuosa nel costume scollacciato, esplosione di curve: «Che “occhi” grandi»