in

Morte di Manuel Perez, la madre valuta la querela: “Non hanno rispettato le sue fragilità”

Un ragazzo di 18 anni, Manuel Perez è morto annegato lo scorso 13 agosto nelle acque di Punta Chiappa, nei pressi del promontorio di Portofino. Viveva con la sua famiglia a Lesmo, in Lombardia, e si trovava in vacanza in Liguria con i ragazzi degli scout. La madre ora sta valutando se sporgere denuncia: il giovane soffriva di crisi epilettiche e lei aveva raccomandato il capo della comitiva di non portare Manuel in acque profonde.

ragazzo annegato portofino

Ragazzo annegato Portofino, madre valuta la querela: aveva crisi epilettiche

Il gruppo di scout, originari di Vimercate (Monza e Brianza), era partito da Pavia il 9 agosto. L’ultima tappa prevista era Camogli, il 13 agosto. La madre, Fara Musella, però aveva raccomandato che Manuel stesse in acque non profonde. “Ci eravamo raccomandati più e più volte con il gruppo scout con cui viaggiava – racconta lei in un’intervista al Corriere della Sera – può fare qualsiasi cosa ma non fatelo andare dove l’acqua è profonda. Assolutamente vietato. Ha avuto una crisi, è vero. Ma se l’avesse avuta con i piedi per terra oggi sarebbe qui. Manuel è morto perché chi doveva vigilare su di lui non ha rispettato i suoi limiti, le sue fragilità”.

Manuel soffriva di epilessia. A volte succedeva che si bloccava. “Se le crisi erano forti aveva un crollo ipotonico e si adagiava a terra”, ha spiegato Fara. “Il più delle volte però si bloccava. Tutto a un tratto si fermava, scollegato dal mondo. É evidente che con un limite del genere non poteva andare in acque profonde. Ogni tanto lo faceva ma con noi vicino e con il giubbotto salvagente. Stavolta non glielo abbiamo neanche dato, il giubbotto, perché l’ordine era che non facesse il bagno dove non toccava. Al capo scout lo aveva detto il mio ex marito, padre di Manuel, lo ha ripetuto il mio attuale marito e l’ho ribadito io. Per di più lui è un educatore, un insegnante di sostegno, conosceva Manuel, la sua malattia, le sue crisi…”.

ARTICOLO | Trentino, precipita in un canalone per più di 100 metri: la vittima aveva 32 anni

ARTICOLO | Rogo a Milano, le foto dell’interno del grattacielo: cresce la rabbia dei condomini

Manuel Perez (da fanpage.it)

La delusione della madre di Manuel, arriva la denuncia?

Fara ha ricostruito il terribile momento della notizia della morte del figlio. “Quando mi ha chiamato la Capitaneria di porto ho perfino fatto fatica a collegare la parola mare con il nome di mio figlio perché non doveva esserci, quel collegamento. Ho chiesto via WhatsApp al capo scout: perché l’hai portato in acqua alta se ti avevamo chiesto di non farlo? Mi ha risposto che Manuel era così felice… che lui pensava di poter tenere la situazione sotto controllo. Mi dicono tutti che è sotto choc.” Poi sbotta: “E noi, allora? Come dobbiamo sentirci, noi? Ci siamo precipitati a Genova con il cuore a brandelli e non abbiamo trovato nessuno scout ad aspettarci. Nessuno a dirci ‘siamo distrutti come voi’. Almeno quello ce lo dovevano”.
Ora Fara e il marito stanno valutando se querelare o no i responsabili della vicenda. “Ne parleremo nei prossimi giorni con il nostro avvocato, capiremo se la Procura e la Capitaneria hanno aperto un’inchiesta e poi decideremo. La sola cosa che ci frena è il rispetto di Manuel perché so che lui non vorrebbe prendersela con qualcuno degli scout. Vorrei però che il dramma di mio figlio almeno insegnasse al rispetto delle fragilità altrui”.>>Tutte le notizie

cadaveri valigia

Cadaveri in valigia, rinviata udienza scarcerazione di Elona: spunta ipotesi del movente

discoteche palestre

Discoteche, palestre e piscine: attivato fondo da 140 milioni di euro