in

Reddito di emergenza 2021 a chi spetta: incompatibilità con altri indennizzi

Presente nel Decreto Rilancio per aiutare le famiglie in difficoltà, il Reddito di emergenza (REM) è uno dei provvedimenti rientranti tra le misure a sostegno dei nuclei familiari maggiormente colpiti dalla crisi economica seguita all’epidemia di Coronavirus: già erogato nei mesi scorsi, il Reddito di emergenza potrebbe essere stanziato anche a gennaio 2021. Per ottenerlo, è obbligatorio soddisfare alcuni requisiti.

Leggi anche >> Reddito di emergenza e reddito di cittadinanza compatibili, come calcolare quanto spetta

Reddito di emergenza 2021

Reddito di emergenza 2021: a chi spetta il sussidio del governo

“Il Reddito di Emergenza (Rem DL34) – si legge sul sito dell’Inps che provvede all’erogazione – è una misura di sostegno economico istituita con il decreto-legge n. 34/2020 (articolo 82) in favore dei nuclei familiari in difficoltà a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”. Un sussidio previsto inizialmente per due mesi, poi prorogato con i successivi decreti per ulteriori mensilità. Le due quote più recenti, quelle facenti riferimento ai mesi di novembre e dicembre 2020, potrebbero però non essere le ultime. “Potrebbe – si legge su Trend-online.com essere accreditata a gennaio 2021 la quinta rata del Rem, da parte dell’Inps, a coloro che ne hanno fatto domanda entro il 30 novembre 2020. Tra gli accrediti potrebbe anche risultare quello della quarta rata Rem per chi, lo scorso 18 dicembre, non l’avesse ricevuta”.

Reddito di emergenza 2021

Il sussidio varia da 400 a 840 euro

“Anche nell’anno 2021, – conferma Denaro.itmediante l’aggiornamento della dichiarazione Isee da effettuare entro il 31 gennaio, si potrà richiedere il Reddito di emergenza”. Il sussidio a sostegno delle famiglie più indigenti varia da 400 a 840 euro e non è compatibile con la presenza, nel nucleo familiare, di componenti che percepiscono o hanno percepito una delle indennità per i lavoratori danneggiati dall’emergenza epidemiologica da COVID-19 (decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18 e decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34). La conferma sullo stanziamento del Reddito di emergenza 2021 – stando a Tuttolavoro24.it – potrebbe arrivare con il Decreto Ristori “numero 5” ed essere accreditato entro il mese di gennaio ai beneficiari delle precedenti mensilità. >> Reddito di emergenza: cos’è, a chi spetta, i requisiti

Covid, il bollettino di oggi: 14.245 nuovi casi e 347 morti

quota 100

Quota 100 va in “soffitta”, ultima chiamata nel 2021: cosa cambia per le pensioni