in

Regionali Emilia-Romagna 2020, il voto ai partiti: Salvini perde, la Lega no

Regionali Emilia-Romagna 2020: Salvini ha perso la battaglia più importante, quella per la presidenza, ma la Lega vince nel voto ai partiti, conseguendo un risultato storico. Anche se manca ancora una manciata di sezioni per il risultato definitivo, la Lega ottiene il 31,94% dei voti, contro il 19,42% delle regionali del 2014. Manca per un soffio il sorpasso del Pd, al 34,7%, quasi dieci punti sotto il risultato di cinque anni fa, quando ottenne il 44,53%.

Regionali Emilia-Romagna 2020 voto partiti

Regionali Emilia-Romagna 2020: tutti i dati dei partiti

Gli altri partiti hanno poco da festeggiare, ad esclusione di Fratelli d’Italia. Debacle per Forza Italia, ridotta ad un misero 2,56% contro l’8,36% del 2014. Sconfitta ancor più pesante per il Movimento 5 Stelle, passato dal 13,27% delle ultime regionali al 4,74% odierno. Importanti le affermazioni delle liste collegate al presidente rieletto Stefano Bonaccini. A partire dal listino “Bonaccini Presidente”, che ottiene il 5,75% dei consensi, per finire con “Emilia-Romagna Coraggiosa Ecologista Progressista”, con il 3,77%.

Ecco tutti i dati dei partiti (4516 sezioni su 4520):

  • Partito Democratico 34,70%
  • Lega Matteo Salvini 31,93%
  • Fratelli d’Italia Giorgia Meloni 8,59%
  • Bonaccini Presidente 5,76%
  • Movimento 5 Stelle 4,74%
  • Emilia-Romagna Coraggiosa Ecologista Progressista 3,77%
  • Forza Italia 2,56%
  • Europa Verde 1,95%
  • Progetto Emilia-Romagna Rete Civica per Borgonzoni 1,73%
  • + Europa-Psi-Pri 1,53%
  • Movimento 3V – Vaccini Vogliamo Verità 0,52%
  • Partito Comunista 0,48%
  • Volt Emilia Romagna 0,43%
  • Potere al Popolo 0,37%
  • L’Altra Emilia Romagna 0,36%
  • Il Popolo della Famiglia-Cambiamo! 0,29%
  • Giovani per l’Ambiente 0,28%

Borgonzoni anello debole della catena per il Centrodestra

Insomma, impossibile notare che l’anello debole della catena per il Centrodestra sia stata soprattutto la Borgonzoni, volutamente oscurata da Salvini che ha scelto di nazionalizzare la campagna elettorale in Emilia-Romagna. Risultato, Bonaccini confermato presidente, ma la Lega ottiene un risultato storico, con una grande affermazione nella provincia “profonda” e nei comuni più piccoli. Schiacciante il risultato di Ferrara, dove la Lega con il 41,81% dei consensi stacca di quasi quindici punti il Pd, al 27,9%. Ottimo risultato per la Lega anche a Parma, dove il sorpasso del Pd è realizzato con un distacco di quasi otto punti. Ancor più netto il sorpasso a Piacenza (Lega 44,02%, Pd 24,03%). Significativo anche il risultato nel collegio di Rimini, dove la Borgonzoni riesce a superare seppur di poco Bonaccini (47,48% contro 46,53%) e le parti tra Lega e Pd si invertono: al partito di Salvini la prima piazza con il 34,42%, la Pd la seconda con il 31,71%. >> La diretta delle elezioni in Emilia-Romagna

Written by Andrea Monaci

48 anni, fondatore e direttore editoriale di Urbanpost.it, ha iniziato la sua carriera con la cronaca locale, ma negli ultimi 20 anni si è occupato principalmente di lavoro, criminalità organizzata e politica. Ha scritto tra gli altri per il "Lavoro e Carriere" e "Il Secolo XIX". Quando non lavora le sue passioni sono la musica rock, i cani, le vecchie auto e la buona cucina.

Luca sacchi

Luca Sacchi, parla il migliore amico: «Era sottomesso ad Anastasiya. Per lei fingeva di essere…»

Elisa De Panicis Instagram

Elisa De Panicis Instagram, senza veli coperta da un lenzuolo di tulle: «Irresistibile!»