in

Regionali Liguria, secondo i sondaggi Toti stravince su Sansa

Regionali Liguria sondaggi. Non c’è partita tra Giovanni Toti e Ferruccio Sansa. Così sembra stando al sondaggio pubblicato oggi dal Corriere della Sera dove il presidente uscente, candidato del centrodestra, sopravanza di 22 punti il candidato del Pd-M5s. Un divario “difficilmente colmabile”, commenta Nando Pagnoncelli, visto che Toti viene accreditato del 57,4% dei potenziali consensi e Sansa del 34,8%.

>> Regionali 2020, in Toscana si prevede uno scontro all’ultimo voto

Regionali Liguria sondaggi

Regionali Liguria sondaggi: Toti avanti di oltre 22 punti su Sansa, boom per la sua lista

Giovanni Toti dunque, secondo le rilevazioni di Pagnoncelli, sarebbe avanti di oltre 22 punti rispetto a Sansa. Si prospetta dunque una vittoria schiacciante per il Centrodestra, sostenuto anche dall’ottima prestazione del “partito” del presidente uscente, la lista “Toti-Cambiamo”, accreditata di quasi il 20% dei consensi. Gli altri candidati (complessivamente gli aspiranti-presidenti in Liguria sono 10), non sono mai entrati in gioco. Aristide Massardo, presentato da Italia Viva, +Europa e Pvu, è stimato al 2,5%, allo stesso livello di Alice Salvatore l’ex candidata del M5s alle precedenti regionali, sostenuta dalla lista Il Buonsenso. Tutti gli altri candidati sono stimati sotto l’1%. L’affluenza al voto secondo Ipsos dovrebbe essere intorno al 62%, nettamente superiore sia alle precedenti regionali sia alle Europee 2019.

Regionali Liguria sondaggi Sansa

“L’alleanza Pd-5Stelle non ha convinto gli elettori liguri”

Molto buone anche le prestazioni dei partiti del Centrodestra, in particolare della lista del candidato presidente, vero traino per la vittoria nella partita delle Regionali in Liguria. Non si può dire la stessa cosa, invece, per la lista personale di Sansa e tanto meno per il M5S, che uscirebbe come il Pd molto ridimensionato dal voto.

“L’alleanza Pd-5Stelle – scrive Pagnoncelli – non ha convinto gli elettori liguri”. Eppure, sulla carta, Sansa poteva contare su un bacino elettorale piuttosto forte considerato che alle regionali del 2015 la candidata del centrosinistra Raffaella Paita era arrivata al 27,8% e Alice Salvatore (M5s) al 24,8%. L’orientamento di voto sulle liste vede avanti la Lega con il 21,1% che precede la lista di Toti-Cambiamo al 19,8%. A seguire: Pd (16%), M5S (9,7%), Fratelli  d’Italia (9,4%), Lista Sansa (6,5%) e Forza Italia (6,3). >> Tutti i sondaggi elettorali

Berlusconi coronavirus, Roberto Maroni: “Mi preoccupa ciò che potrebbe succedere nelle scuole”

Batterio killer a Verona, la storia di una mamma: “Dall’ospedale hanno tenuto la bocca chiusa”