in

Riaperture, Speranza sceglie prudenza ma la Lega vuole accelerare: ecco le date plausibili

Oggi, venerdì 16 aprile 2021, alle 11 la cabina di regia per decidere i nuovi colori delle regioni e come procedere con le riaperture. Il premier Mario Draghi sceglierà insieme alle forze di maggioranza il piano per ripartire. Riaperture a maggio ma quando? Il Governo dovrà individuare una possibile data per ripartire. Uno dei punti chiave per le riaperture è l’andamento della campagna vaccinale. L’Ema, l’Agenzia europea per il farmaco, attende per la prossima settimana notizie dagli Stati Uniti per quanto riguarda il vaccino Johnson&Johnson. Intanto Pfizer accelera e garantisce che “aumenteranno drasticamente le forniture”.

riaperture maggio

Riaperture maggio: la visione differente di Speranza e Salvini

Al Governo ci sono due linee di pensiero contrastanti. Il Ministro della Salute Roberto Speranza ha espresso preferenza verso una ripartenza più prudente. Anche il Cts è d’accordo con il ministro. Infatti secondo loro è più saggio procedere con un “allentamento graduale delle restrizioni”. Quindi la scelta più ovvia per questo ramo della maggioranza è di aspettare il monitoraggio dell’Iss della prossima settimana prima di affrettare con le riaperture.

La Lega e più in generale il centro destra invece preme perché le riaperture avvengano il prima possibile. Matteo Salvini ha anche parlato del possibile ritorno anticipato della zona gialla, fondamentale perché si possa ripartire. “Se domani la cabina di regia vedrà i dati in miglioramento in molte zone d’Italia per me la prossima settimana possiamo fare un Cdm e decretare il ritorno alla zona gialla e quindi alla vita”.

ARTICOLO | ‘Ndrangheta in Toscana: gli affari della cosca Gallace tra droga, lavori stradali e concerie

ARTICOLO | Covid, in arrivo le linee guida per le riaperture di ristoranti, palestre e cinema: cosa prevede la bozza delle Regioni

cambio colore regioni

Riaperture maggio: le date plausibili

Probabilmente il week-end del Primo maggio l’Italia diventerà zona rossa, come tutte le festività. Il centrodestra che, anche su questo tema, vorrebbe adottare misure meno rigide, da zona arancione. Nelle ipotesi che seguono la linea del rigore e della prudenza il calendario delle riaperture dovrebbe prevedere dal 3 maggio il ritorno in classe delle scuole Superiori. Dopo una analisi dell’impatto di questo allentamento, si potrà procedere con le riaperture. Si partirebbe rialzando le serrande di bar e ristoranti a pranzo, ma solo se con tavoli all’aperto. Stesso discorso per lo sport.

Il centrodestra vorrebbe approfittare del monitoraggio di oggi per programmare già dal 26 aprile le riaperture. Per fare questo servirà un Consiglio dei ministri e una semplice delibera per permettere alcune riaperture in determinate zone a basso rischio. La data decisiva per valutare le riaperture sarà comunque il prossimo venerdì 23 aprile.>>Tutte le notizie

bozza riaperture ristoranti palestre piscine

Covid, in arrivo le linee guida per le riaperture di ristoranti, palestre e cinema: cosa prevede la bozza delle Regioni

Ilary Blasi e Francesco Totti

Ilary Blasi lascia una sorpresa a Francesco Totti sotto il cuscino: “E’ straordinaria”