in

Riccardo Cioni morto nella notte: ha segnato la disco music negli anni ’80

Il noto dj Riccardo Cioni è morto questa notte, tra 6 e 7 gennaio 2021. A dare la notizia è il quotidiano Il Tirreno. Riccardo Cioni, 66 anni, livornese, era uno storico deejay ma anche voce della radio. Cioni era stato ricoverato in ospedale per le conseguenze del Covid, ma poi era stato dimesso qualche giorno dopo. La morte non è riconducibile al Covid.

>> Come sta andando la campagna di vaccinazioni anti Covid in Italia

riccardo cioni dj

Morto nella notte il dj Riccardo Cioni

Riccardo Cioni è stato, secondo Il Tirreno, “il più grande dj toscano”. Il musicista era stato ricoverato per Covid, ma poi era stato dimesso. Le sue condizioni si erano aggravate improvvisamente nei giorni scorsi per patologie non riconducibili all’infezione da Covid. Questa notte Cioni è stato operato d’urgenza e trasportato in terapia intensiva, dove è poi deceduto. E’ stata la compagna ad annunciarne la morte.

Aveva vinto il Covid

Riccardo Cioni aveva sconfitto il Covid poco prima di Natale. Il 25 dicembre, su Facebook, con un toccante post il 66enne aveva ringraziato i medici e il personale sanitario che si erano presi cura di lui durante la sua degenza in ospedale. “Volevo esprimere i miei più sentiti ringraziamenti ai medici, infermieri e volontari del 2° Padiglione dell’Ospedale di Livorno per l’impegno, la professionalità, la dedizione e la cortesia dimostrata in questi giorni. Con la promessa che, quando l’emergenza Covid sarà alle spalle,organizzerò un evento per ringraziarvi personalmente. Buon Natale e l’Augurio di Felice Anno nuovo”. Così aveva scritto su Facebook.

Riccardo Cioni dj: una vita per la disco

Riccardo Cioni era idolo indiscusso della musica disco degli anni Ottanta, che ha segnato un’epoca, quella di discoteche storiche che in parte oggi non esistono più. Il deejay si era fatto conoscere su scala internazionale con il suo singolo “In America”, del 1982. Il pezzo fu presentato sull’iconico programma “Discoring”, allora in onda su Rai 1. Cioni non aveva mai smesso di far ballare giovani e adulti: erano tanti coloro che lo seguivano nelle serate, non solo nei locali ma anche nelle tantissime feste di piazza. Cioni era anche voce ormai fissa di Radio Mitology, in cui aveva un appuntamento giornaliero durante cui proponeva i suoi remix. >> Tutte le news 

Seguici sul nostro canale Telegram

Pierpaolo Spollon

Chi è Pierpaolo Spollon, vita privata e carriera: tutto sul giovane attore italiano

Oggi è un altro giorno Paolo Conticini

“Oggi è un altro giorno”, Paolo Conticini si racconta: la sua storia d’amore con Giada