in

Riccardo Fogli e il mancato tributo a Stefano D’Orazio a Sanremo: “Mi ha fatto male essere attaccato”

Riccardo Fogli, frontman e bassista del celebre gruppo italiano i “Pooh” ha partecipato ieri, domenica 21 marzo 2021, al programma Live non è la D’Urso. Il musicista ha parlato della sua famiglia ma anche del Festival di Sanremo. In particolare ha spiegato le ragioni di una polemica nata dopo l’ultima serata dello show musicale: durante il Festival non c’è stato un momento in cui ricordare Stefano D’Orazio, batterista dei Pooh.

Riccardo Fogli Sanremo polemica

Riccardo Fogli Sanremo polemica

Prima il cantante ha raccontato a Barbara D’Urso del rapporto d’amore con la moglie. “Ci amiamo da 17 anni, stiamo insieme da 12 anni”. Poi Fogli ha parlato del mancato omaggio al Festival per lo storico batterista dei Pooh, scomparso lo scorso 6 novembre. Il cantante è entrato nel vivo della polemica per il mancato tributo all’amico e collega Stefano D’Orazio durante il Festival di Sanremo 2021. “Non sapevo fosse previsto in scaletta un omaggio per Stefano d’Orazio a Sanremo, quando ho scoperto come sono andate le cose sono rimasto di gesso”.

“Dovevamo cantare 2 canzoni a testa io e i miei colleghi e due ore prima ci hanno detto ne cantate solo 1 oppure salta il blocco”. Ha spiegato così l’ex voce dei Pooh. Fogli si è soffermato poi su quanto successo durante la semifinale della 71esima edizione del Festival di Sanremo 2021. “Io non avevo visto la scaletta e non sapevo del ricordo di Stefano. Ho scoperto dopo che c’era il saluto a Stefano attraverso “Dio delle città”. Fiorello per anni ha cantato Stefano. Hanno cominciato ad offendere me, sono stato aggredito, ma neppure lo sapevo”.

ARTICOLO | Manuela Arcuri “Non è l’Arena”, Cecchi Paone: «Omosessuali da coprire, tu e Garko…», forte imbarazzo

ARTICOLO | Giornata mondiale dell’acqua 2021: la risorsa da cui ripartire

Riccardo Fogli Sanremo polemica

Perché non è stato ricordato Stefano D’Orazio a Sanremo

La serata finale di Sanremo 2021 prevedeva un omaggio allo storico batterista dei Pooh, D’Orazio. L’evento però è saltato, probabilmente per la lunghezza eccessiva dello show, andato ben oltre le 2 di notte. L’omaggio al musicista e paroliere scomparso nel novembre scorso, quando già in cura per una patologia molto seria ha contratto il Covid, prevedeva che Fiorello e Amadeus cantassero “Uomini Soli” e poi ricordassero D’Orazio, autore di diversi successi dei Pooh. Ma la durata del gran finale del Festival ha portato al taglio del brano.

Riccardo Fogli dopo quello che è successo al Festival ha ricevuto messaggi di odio sui social da parte dei fan. “E successa una cosa incredibile, io sono stato ospitato al Festival e sono stato accusato dai nostri meravigliosi fan che lottano per i loro beniamini. Se la sono presa con me, perché io avrei dovuto prendere il microfono e chiedere l’omaggio a d’Orazio. Ho chiesto scusa, ma per educazione non intervengo a gamba tesa e non lo farò mai, chiedo scusa ma non è nella mia natura, ero ospite”. Il cantante non ha nascosto di esserci rimasto molto male: “mi ha fatto male essere attaccato perché sono fan, sono amici che amano Stefano D’Orazio come me e tutta Italia”.>>Tutte le notizie e i gossip

Omicidio Serena Mollicone, la figlia del brigadiere Tuzi: “Molte persone sanno ma hanno paura di parlare”

Cura monoclonale Covid

Cura monoclonale, 55enne di Castelfidardo salvata dal Covid: «Dopo un mese posso tornare a vivere»