in

Rimini, si è fatto togliere un rene per salvare la moglie malata: “Il mio è stato un gesto di egoismo”

Stefano ha deciso di compiere un gesto di grande generosità. L’uomo originario di Rimini dona alla moglie un rene. Poi con modestia ha dichiarato: “Ma no, ho pensato a cosa sarebbe stata la mia vita senza mia moglie, che ha sempre fatto la moglie. Il mio è stato un gesto di egoismo”.

Rimini dona un rene alla moglie malata: “È stato puro egoismo”

ARTICOLO | Covid, contagi in aumento in Italia: si va verso la terza dose di vaccino per tutti

ARTICOLO | Dora Lagreca, spunta una nuova prova: ci sono tracce di sangue sui suoi orecchini

rimini dona un rene alla moglie

Stefano Ambrosini e la moglie Emanuela Mambelli durante una vacanza (immagine da ilrestodelcarlino.it)

L’operazione di Stefano ed Emanuela

Lui 66 anni, pensionato, ex titolare della ferramenta Cita. Lei, Emanuela Mambelli, 64 anni. Sono sposati dal 1981 e hanno due figli e due nipotine. Hanno fatto l’intervento all’ospedale Sant’Orsola di Bologna, svolto dal dirigente di chirurgia generale Matteo Ravaioli, lo scorso venerdì 22 ottobre 2021. “Di recente è venuto fuori che mia moglie sarebbe dovuta entrare in dialisi nel giro di qualche decina di giorni”, era quindi urgente procedere con l’operazione.

I due sono ancora in ospedale. “Io in Chirurgia, lei in Nefrologia – ha raccontato il marito -. Ci sentiamo e vediamo con le videochiamate. All’inizio avevo dolore, ora va meglio. Nel fine settimana dovrebbero dimettermi. Emanuela resterà ancora 10 giorni. Raccontiamo la nostra storia per invitare le persone che sono in condizione di farlo a donare”. Appena guariti, la prima cosa che faranno i coniugi? “Andremo al ristorante. Mia moglie non poteva più mangiare proteine, carne e pesce. Vogliamo rifarci”.>>Tutte le notizie

Seguici sul nostro canale Telegram

variante delta plus

Variante Delta Plus, Pregliasco: «È più contagiosa. Possibili nuovi lockdown in Italia»

draghi foggia

Draghi ai giovani: «A voi il compito di trasformare l’Italia. Con un pizzico di incoscienza»