in

Ecco come Salvini sta tentando di rinnovare il partito prima delle elezioni del 2023

Salvini sta tentando di dare un nuovo volto alla Lega, ormai bassissima in termini di consenso ai sondaggi. Le elezioni del 2023 si avvicinano, e bisogna rimboccarsi le maniche per convincere (di nuovo) gli italiani a votare il suo partito. Proprio per questo motivo il leader del Carroccio ha deciso di affidare a consulenti esterni le strategie per portare avanti idee e programmi. Parliamo delle stesse persone che gli hanno consigliato di perdere un aereo in direzione Mosca.

draghi quirinale elezioni

Salvini e il nuovo volto della Lega

L’obiettivo di Salvini, quindi, è vestire di nuovo il suo partito che, stando alle rilevazioni, nell’ultimo ha sofferto notevolmente la scelta di schierarsi dalla parte della maggioranza e quindi insieme a Mario Draghi. Così il leader del Carroccio ha deciso di affidarsi a una serie di consulenti esterni: sondaggisti, avvocati, Think-tank. Tutti uniti nello stesso scopo: rilanciare la Lega. In realtà, però, questa scelta non sembra essere stata davvero apprezzata da tutti i dirigenti leghisti. Che, per esempio, non si sono tirati indietro dall’esprimere il loro disappunto e le perplessità rispetto alla decisione di Salvini di volare a Mosca per incontrare Lavrov e gli alti rappresentanti del Cremlino. Viaggio che doveva avere l’obiettivo di portare avanti una trattativa per ottenere lo stop della guerra in Ucraina.

Il volo, che alla fine è stato annullato, era stato prima consigliato e poi organizzato da Antonio Capuano. “Avvocato di alcune ambasciate”, come lui stesso si definisce, e consulente per l’estero del senatore, Capuano è uno dei nuovi volti scelti appunto per il rilancio del partito.

ARTICOLO | Referendum 12 giugno: i cinque quesiti spiegati in modo semplice

ARTICOLO | Costa: «Ad ottobre avremo un vaccino aggiornato, verso richiamo annuale»

Quirinale Salvini

Chi sono i nuovi strateghi della Lega

Tra le altre persone che Salvini ha scelto per delineare la strategia della Lega spicca il docente di diritto privato nonché ex parlamentare con Alleanza nazionale e Pdl, Giuseppe Valditara. Proprio lui, infatti, è stato scelto dal leader del Carroccio per dare via a un contenitore di nuove idee da cui il partito possa attingere. Valditara, inoltre, è il fondatore di un Think tank liberal-conservatore, il Liberal 150, che propone a Salvini consigli non solo in materia di politica estera, ma anche rispetto a temi come scuola e intelligenza artificiale. Inoltre, fa parte della nuova squadra anche l’attuale consulente esterno Alessandro Amadori, ex sondaggista. >> Tutte le notizie di UrbanPost

Seguici sul nostro canale Telegram

Osio Sopra (Bergamo), incendio in una scuola materna: cinque bambini ustionati

Smart Tv: una nuova porta d’accesso al mondo