in

Salvini in guerra con la Meloni? La verità sull’audio rubato. Brunetta tombale sui sovranisti

Salvini Meloni «Il Foglio» audio rubato, tutta la verità – Venerdì 22 ottobre 2021. “Quest’alleanza del centrodestra non s’ha da fare”, direbbe un noto scrittore milanese. Sembra proprio così, dopo l’incontro cordiale a Villa Grande, residenza romana di Silvio Berlusconi. Dapprima il retroscena bomba di “Dagospia” che senza mezzi termini ha scritto: “si sono presi a schiaffi”; poi una conversazione privatissima che avrebbe dovuto restare tale negli ambienti leghisti, se non fosse stato per «Il Foglio», che l’ha pubblicata sul suo sito. Nell’intervista a «Porta a Porta» il segretario del Carroccio ha cercato di “salvare il salvabile”, svelando quello che sarebbe il vero piano di Lega e Fratelli di Italia con l’avvallo di Forza Italia. Le dichiarazioni di Salvini però cozzano (e non poco) con quanto dichiarato da Renato Brunetta a «La Repubblica».

leggi anche l’articolo —> Ruby Ter, al processo di Siena Berlusconi e il pianista Mariani assolti

salvini meloni

Salvini in guerra con la Meloni? La verità sull’audio pubblica su «Il Foglio». Brunetta tombale sui sovranisti

«È ovvio che noi abbiamo un centrodestra nel governo e uno all’opposizione. Però c’è modo e modo di stare all’opposizione. Si può concordare una quota comprensibile di rottura di c… dall’opposizione, che però vada a minare il campo Pd e 5 Stelle e non sia fatta scientemente, come è accaduto negli ultimi mesi, per mettere in difficoltà la Lega e il centrodestra». Questo l’audio rubato diventato di dominio pubblico grazie al sito de «Il Foglio». Dichiarazioni forti che denuncerebbero personalismi e invidie, ma soprattutto il divario che separa Salvini dalla Meloni: il sostegno al governo Draghi. Fratelli di Italia, infatti, è l’unico partito all’opposizione. Per smorzare i toni, il leader della Lega è stato ospite ieri a «Porta a Porta»«Io e Giorgia scherziamo ogni giorno quando sui giornali ne escono di ogni, varie e eventuali, stavo parlando degli scontri del passato che hanno portato alla sconfitta alle elezioni. Un centrodestra che litiga, che presenta emendamenti diversi e perde tempo sui candidati o in polemiche, allontana la gente che poi non va a votare. Domenica sei milioni di italiani sono rimasti a casa e molti di questi sono elettori di centrodestra che dicono: o vi mettete insieme e lavorate insieme oppure non si vota». 

salvini meloni

«Draghi al Quirinale? Votarlo? Valuteremo»

Incalzato da Bruno Vespa, Salvini ha poi aggiunto: «Le faccio vedere i whatsapp in cui ridiamo e scherziamo», ha detto sicuro il leader della Lega. La debacle delle amministrative sarebbe comunque servita per preparare una contro-risposta al centrosinistra: «Adesso ci coordiniamo settimana per settimana e lavoriamo insieme visto che tra un anno e mezzo vogliamo governare insieme. Facciamo tesoro della lezione che ci hanno dato gli italiani alle elezioni e nei prossimi mesi, noi del centrodestra saremo un sol uomo, una sola squadra. Faremo riunioni comuni Ministri Lega e Forza Italia su temi importanti come le pensioni», ha detto l’ex ministro dell’Interno. Sul tema caldo della corsa al Colle Salvini ha detto: «Se Draghi va al Quirinale non ci saranno elezioni anticipate, non perché lo diciamo noi, ma perché non ci saranno parlamentari che si auto manderanno a casa. Se Draghi riterrà di presentarsi al Quirinale ce lo comunicherà e valuteremo. Votarlo? Valuteremo. Però se si presenta candidato di centrodestra, unitariamente lo sosterremo. A gennaio decideremo chi sostenere come Presidente della Repubblica tra i candidati». In studio c’era anche il direttore de «La Repubblica» Molinari, che lo ha stuzzicato sul premier: «I rapporti tra me e Presidente del Consiglio checché ne dica il direttore di Repubblica sono ottimi, semplicemente non comunichiamo tutte le volte che ci sentiamo e vediamo», ha detto seccato Salvini.

salvini meloni

Salvini Meloni audio rubato, La Russa: «Io sono contrario al giornalismo che guarda la politica dal buco della serratura…»

Ad aver cercato di spegnere l’incendio nel centrodestra anche Ignazio La Russa: «Io sono contrario al giornalismo che guarda la politica dal buco della serratura, decontestualizzando le dichiarazioni. Io apprezzo e stimo Matteo Salvini che ho incontrato da Berlusconi, insieme a Giorgia Meloni e che ha espresso con chiarezza e totale sincerità concetti assi diversi dalle frasi rubacchiate dal Foglio». Chi invece sembra aver preso le distanze dalla Lega è stato Brunetta, in un’intervista concessa proprio a «La Repubblica»: «Il popolo si fida di Draghi, ha capito. La società civile ha capito. Quelli che sembrano non aver capito sono i partiti che compongono l’attuale maggioranza». Ecco l’affondo del ministro della Pubblica Amministrazione: «Se la destra sovranista, anti-europea, anti-Green Pass va dietro al richiamo della foresta commette un grande errore, perché il popolo non la pensa così. Lo stesso vale per la sinistra, perché le persone chiedono stabilità e pragmatismo, non risposte ideologiche. Guardi la storia dell’obbligo di Green Pass. Tutti a prospettare sfracelli, anche a sinistra, poi è arrivato il D-Day e non è successo niente. Come le dicevo, il popolo ha capito». Come sempre Brunetta l’ha toccata piano, pianissimo. Leggi anche l’articolo —> “Si sono presi a schiaffi”, retroscena “Dagospia” sull’incontro tra Meloni, Salvini e Berlusconi

salvini meloni

 

Seguici sul nostro canale Telegram

La Camorra gestiva gli appalti ospedalieri a Napoli: arrestate 40 persone

prezzo tamponi no vax

De Luca contro i no vax: “Raddoppiamo il prezzo dei tamponi per chi non si vaccina”