in

Salvini torna al Papeete, bagno in mare dopo il voto al Senato: stavolta l’umore è nero

Bagno in mare per Matteo Salvini. Il leader leghista nel tardo pomeriggio di ieri, 30 luglio 2020, dopo che il Senato ha autorizzato il processo nei suoi confronti per la vicenda Open Arms è arrivato a Milano Marittima, nota località balneare in provincia di Ravenna. A differenza dello scorso anno però l’umore del segretario del Carroccio al Papeete Beach è nero. I tempi in cui ballava l’inno di Mameli in versione remix con cubiste e giovani sostenitori sono ormai lontani.

leggi anche l’articolo —> Matteo Salvini la fidanzata lo fa ringiovanire, vacanza a Forte dei Marmi: in calo però l’affetto degli Italiani

Salvini Papeete

Salvini al Papeete, bagno in mare dopo il voto al Senato: stavolta l’umore è nero

L’Aula del Senato ha dato il via libera alla richiesta di autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini, presentata dal Tribunale dei ministri di Palermo, che lo accusa di sequestro di persona per aver bloccato, quando era ministro dell’Interno, lo sbarco dei migranti a bordo della Open Arms. L’ago della bilancia Italia Viva, che a fine maggio in Giunta aveva deciso di astenersi per “approfondire le carte”. Stavolta però i Renziani hanno votato affinché il leader della Lega vada a processo. «Contro di me festeggiano i Palamara, i vigliacchi, gli scafisti e chi ha preferito la poltrona alla dignità. Sono orgoglioso di aver difeso l’Italia. Lo rifarei e lo rifarò, anche perché solo in questo luglio gli sbarchi sono sei volte quelli dello stesso periodo di un anno fa, con la Lega al governo. Vado avanti, a testa alta e con la coscienza pulita. Guarderò tranquillo i miei figli negli occhi, perché ho fatto il mio dovere con determinazione e buonsenso. Mi tengo stretto l’articolo 52 della Costituzione (‘La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino’) e ricordo le parole di Luigi Einaudi: ‘Quando la politica entra nella giustizia, la giustizia esce dalla finestra’. Non ho paura, non mi farò intimidire e non mi faranno tacere. Ricordo che per tutti i parlamentari, presto o tardi, arriverà il giudizio degli elettori», sono state queste le parole del senatore milanese subito dopo il voto. Poi la decisione di lasciare la capitale e di partire per la Riviera Romagnola.

Salvini Papeete

«Scusate, questo non è il momento delle foto né delle dichiarazioni, non sono dell’umore giusto»

Salvini al Papeete Beach. Nel tardo pomeriggio del giorno in cui il Senato ha autorizzato il processo all’ex ministro per il caso Open Arms, Matteo Salvini ha scelto di soggiornare Milano Marittima. Dopo essere salito in hotel, dribblando i giornalisti e i fotografi in attesa di lui, il segretario del Carroccio è sceso in spiaggia e si è tuffato quasi al tramonto. «Scusate, questo non è il momento delle foto né delle dichiarazioni, non sono dell’umore giusto», ha detto Salvini rivolgendosi ai fotografi, una volta finito il bagno fatto assieme al figlio e ad alcuni amici. Alle 11 di oggi, 31 luglio 2020, è in programma una conferenza stampa per presentare la festa della Lega Romagna. Il leader leghista Salvini, salvo imprevisti dell’ultimo momento, sarà presente. leggi anche l’articolo —> Open Arms, Matteo Salvini andrà a processo: il Senato ha votato a favore dell’autorizzazione

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

lorenzo amoruso temptation island 2020

Lorenzo Amoruso Temptation Island 2020, duro dal cuore tenero al falò con Manila

Open Arms Salvini

Open Arms, Meloni: «Processo a Salvini precedente spaventoso», anche Berlusconi lo difende