in

Salvini, stato emergenza: «Se prorogano non li facciamo uscire dall’aula», la minaccia a Conte

«Non c’è nessuna emergenza sanitaria in corso, chi vuole prorogare lo stato di emergenza è solo un nemico dell’Italia», a dirlo è Matteo Salvini in conferenza stampa alla Camera. Ieri, 23 luglio 2020, ci sono stati 306 nuovi contagi da Coronavirus nel nostro Paese, ma a detta del leader leghista sarebbero riconducibili ai migranti arrivati negli ultimi giorni. Senza questi ultimi per il segretario del Carroccio l’emergenza sarebbe già finita: «Questo governo odia la Sicilia, Pd e M5s odiano la Sicilia e di conseguenza il resto d’Italia. In tempo di virus gli ultimi focolai sono tutti arrivati grazie a questa gente. La politica di questo governo è doppiamente criminale».

leggi anche l’articolo —> Giuseppe Conte, da premier per caso a protagonista in Europa: la metamorfosi del «burattino»

Salvini stato emergenza

Salvini, stato emergenza: «Se prorogano non li facciamo uscire dall’aula», la minaccia a Conte

Il prossimo 29 luglio il premier Giuseppe Conte sarà alla Camera per delle comunicazioni sul Coronavirus. In seguito si voterà se prorogare o meno lo stato di emergenza fino al prossimo 31 ottobre. Un’opzione quest’ultima sgradita a Salvini, che ha già annunciato che farà delle barricate in Aula qualora l’ipotesi dovesse andare in porto. «Non esiste la proroga dello stato di emergenza. Non li facciamo uscire dall’aula», ha detto con tono minaccioso il leader della Lega. Per Salvini si tratterebbe, infatti, di un escamotage del presidente del Consiglio Conte per evitare colpi bassi e imprevisti al suo governo, così da continuare a governare indisturbato a suon di decreti.

Salvini stato emergenza

Giorgia Meloni: «Non ho capito qual è il messaggio che vogliamo dare»

Sulla stessa lunghezza d’onda Giorgia Meloni. La leader di Fratelli di Italia ha definito l’eventualità di una proroga dello stato d’emergenza come una forma di “delirio”, evidenziando, tra l’altro, che nessun altro paese in Europa si è mosso in questa direzione. «Non ho capito qual è il messaggio che vogliamo dare. È il tentativo del governo di mantenere una libertà di azione che gli ha consentito di fare cose che non c’entravano nulla col Covid. Su questo sono pronta a fare le barricate», ha dichiarato la politica romana. Barricate contro il governo Conte dunque? Salvini, a quanto pare, non si troverò da solo. Parlando degli interventi del premier, che ieri ha riferito in Parlamento dell’intesa in Ue, dopo il Consiglio europeo, il senatore milanese ha affermato seccato: «Ieri abbiamo visto il pontefice in Aula che camminava sulle acque e regalava soldi ai senatori in tribuna». leggi anche l’articolo —> Enrico Mentana, Recovery Fund: «Con tutto il rispetto per Salvini…», staffilata in diretta al Tg

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

azzolina banchi rotelle

Azzolina banchi singoli a rotelle, test imbarazzante a “In Onda”: «Chiedo scusa a Urbano Cairo…»

The Kissing Booth 2 Netflix

“The Kissing Booth 2” da oggi su Netflix: trama, cast e curiosità