in

Sanremo 2021, Ermal Meta si racconta: «Mi sono sentito un invisibile quando…»

Ormai è tutto pronto per dare il via al Festival di Sanremo 2021. Dal 2 al 6 marzo Amadeus condurrà la 71ª edizione del famoso concorso canoro. I “Big” in gara sono molto diversi tra loro e il pubblico potrà assistere ad un’alternanza di generi musicali. Sul palco del Festival di Sanremo 2021 anche Ermal Meta, il quale si canterà un brano d’amore intitolato Un milione di cose da dirti. Per Ermal Meta questo non è il primo Festival, il cantante ha vinto il concorso nel 2018, partecipando in coppia con Fabrizio Moro con il brano Non mi avete fatto niente. Questa volta come andrà a finire la sua esperienza? Per scoprirlo bisognerà seguire la sua performance su Rai 1.

Leggi anche –> Ermal Meta nuova fidanzata: chi è Chiara Sturdà

Sanremo 2021, Ermal Meta torna sul palco dell’Ariston con una canzone d’amore

Ermal Meta si esibirà sul palco di Sanremo 2021 con il brano Un milione di cose da dirti. Il cantante, in occasione della sua partecipazione al famoso concorso canoro, ha rilasciato una lunga intervista a La Repubblica. Ermal Metal parlando di questo atipico Festival e sull’assenza del pubblico ha dichiarato: «Di sicuro cantare davanti a un teatro vuoto è un po’ strano e specialmente al Festival di Sanremo, dove la platea è sempre stata appassionata, almeno fino a una certa ora. Il ruolo più difficile sarà dei due conduttori, parlare per tre ore a delle sedie vuote non sarà semplice, almeno noi dopo tre minuti andiamo via, loro non possono. La mia solidarietà va dunque ai due conduttori che devono portare avanti un’intera serata davanti a nessuno». Poi su una sua eventuale nuova vittoria ha detto: «Stavolta non mi aspetto nulla, vado con uno spirito diverso».

Dalla parte degli invisibili

Ermal Meta, durante la lunga intervista a La Repubblica, ha dichiarato di essere dalla parte degli invisibili: «Del resto tutti noi siamo stati invisibili almeno una volta nella vita. Mi sono sentito un invisibile quando chi cantava le mie canzoni cercava di spiegarle al posto mio. Mi chiedevo come potessero avere la presunzione di spiegarle, visto che le avevo scritte io. Ero stufo, allora ho deciso di cantarle da solo, così se qualcuno lo chiede posso dare l’interpretazione autentica, essendone l’autore». Infine, Ermal Meta per il duetto di giovedì 4 marzo ha scelto di portare sul palco di Sanremo 2021 la canzone Caruso di Lucio Dalla. >>>> Altri Gossip

Covid Emilia-Romagna 26 febbraio 2021

Covid in Emilia-Romagna, il bollettino del 26 febbraio: 2.575 nuovi casi e 31 morti, salgono i ricoveri

Giuseppe Conte torna all’Università di Firenze: la lectio magistralis su economia, salute e pandemia