in ,

Santo del giorno 11 Novembre, San Martino di Tours

San Martino di Tours, patrono dell’arma di fanteria e dell’esercito, è il santo di oggi 11  Novembre. San Martino nasce a Sabaria (Pannonia, odierna Ungheria) nel 316 circa e muore a Candes Saint Martin l’ 8 Novembre del 397. San Martino però viene ricordato l’11 Novembre giorno dei suoi funerali a Tours. Martino da giovane si arruola come soldato pagano e una notte durante una ronda incontra un mendicante al quale dona metà del suo mantello. Durante la stessa notte San Martino sogna Gesù che lo loda per averlo vestito nel momento del bisogno, così dopo quel sogno Martino inizia la sua conversione al cristianesimo.

“Da San Martino l’inverno è in cammino.”

leggi anche –> Il santo del giorno 10 novembre 

“A San Martino ogni mosto è vino.”

Conversione che avviene nella Pasqua del 355. Nel 371 viene nominato vescovo e inizia ad esercitare la sua professione nella Gallia del tardo impero romano. L’opera di conversione adottata da Martino lo porta a proclamare e diffondere la fede cristiana direttamente nelle strade e nei  villaggi. San Martino con la sua opera ostacola sia l’eresia Ariana, che credeva nella diversità della natura divina tra Gesù e Dio, sia il paganesimo rurale. Dopo la sua morte il culto per il santo si diffonde in tutto l’occidente e proprio l’11 Novembre è una delle feste più sentite e festeggiate in diverse culture.

“L’estate di San Martino dura tre giorni e un pocolino.”

In Italia il  culto di San Martino coincide con un periodo dell’anno in cui le temperature autunnali subiscono un leggero miglioramento regalandoci appunto la famosa estate di San Martino. Le diverse regioni italiani in base alle loro tradizioni celebrano il santo in vari modi. Nel comune abruzzese di Scanno, ad esempio, si accendono grandi fuochi detti “glorie di San Martino” e le contrade si sfidano a chi fa il fuoco più alto e durevole.  L’11 Novembre nel veneziano è usanza preparare il dolce di San Martino, un biscotto dolce di pasta frolla con la forma del Santo con la spada a cavallo, decorato con glassa di albume e zucchero ricoperta di confetti e caramelle. A Palermo si preparano i biscotti di San Martino “abbagnati nn’o muscatu ” (inzuppati nel vino moscato di Pantelleria), a forma di pagnottella rotonda, grande come un’arancia, e con  l’aggiunta nell’impasto di semi d’anice che conferisce loro un sapore e un profumo particolare.

Virginia Raggi assolta, Di Maio: «Media corrotti piaga del Paese». Fnsi: «Minacce non fermeranno giornalisti» – LIVE

antonio tizzani news uomo incappucciato

Omicidio Gianna Del Gaudio, Tizzani verso il processo: una intercettazione potrebbe aggravare la sua posizione