in

Incidente all’alba a Spongano, auto si schianta contro un albero: 24enne perde la vita

Spongano incidente mortale – Sabato 16 ottobre 2021. L’ennesimo schianto in pochi giorni in provincia di Lecce. A perdere la vita un ragazzo di soli 24 anni che viaggiava a bordo di una Ford c-max che, forse a causa della pioggia battente, si è ribaltata nelle prime ore del mattino sulla strada provinciale che collega Spongano ad Andrano. I soccorritori non hanno potuto fare molto: il giovane è morto sul colpo. L’impatto violento contro un albero non gli ha lasciato scampo.

leggi anche l’articolo —> Incidente mortale a Patrica, all’incrocio delle “Quattro strade”: moto finisce contro un’auto

spongano incidente

Incidente a Spongano all’alba, auto contro un albero: 24enne perde la vita

Ancora sangue sulle strade del Salento. In un incidente ha perso la vita Roberto Cozza, 24enne originario di Poggiardo, ma residente a Spongano. Il ragazzo era al volante della sua autovettura, una Ford Focus, quando per ragioni ancora poco chiare, ha perso il controllo del mezzo finendo contro un albero. Lo schianto si è rivelato fatale: a nulla sono valsi i tentativi di rianimazione del 118, che, per liberarlo dall’abitacolo della macchina, hanno richiesto l’intervento dei vigili del fuoco. Nel sinistro, secondo quanto riportato dai media locali, non sarebbero rimasti coinvolti altri veicoli. Sul posto sono sopraggiunti prontamente anche i carabinieri della compagnia di Tricase per svolgere i rilievi volti ad accertare cosa abbia determinato la perdita di aderenza all’asfalto. Perché Roberto ha perso il controllo della sua auto? Un colpo di sonno? La pioggia? O un malore? Domande a cui gli inquirenti dovranno dare una risposta. Leggi anche l’articolo —> Gallipoli, una serata tra amici e poi lo schianto sul guardrail: morta 19enne

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Gianmarco capitani

Insulti choc a Liliana Segre: chi è Gian Marco Capitani di “Primum non nocere”

green pass certificati malattia boom

Obbligo Green Pass sul lavoro, picco di certificati di malattia: “È reato al telefono”, chi rischia