in

“Uomini e donne”, mascherine trasparenti sono a norma? Telespettatori furiosi

Per la gioia dei fan ieri, lunedì 7 settembre 2020, è ricominciata l’avventura tv che dal 1996 tiene incollati i telespettatori: ‘Uomini e donne’. Le novità, dovute in parte al Coronavirus, sono notevoli: come sul finale della stagione 2019/2020, non esiste più la distinzione tra Trono Over e trono classico, il che apre a molteplici opportunità e offre nuovi spunti narrativi. I giovani possono interagire con dame e cavalieri più maturi aggiungendo del ‘pepe’ al dating show. Diverso è anche lo studio: i vari protagonisti del parterre sono separati da pannelli di plexiglas e ogni qual volta cessano di ballare tronista e corteggiatrici devono igienizzarsi le mani. Ad aver catturato però nello specifico l’attenzione del pubblico l’uso di mascherine trasparenti: ma sono davvero utili? O sono delle semplici visiere? Inutile dirlo, sui social, la rabbia “panna montata al veleno”. 

leggi anche l’articolo —> Bruno Vespa “Bellissime”: «Uno spaccato del costume italiano dal Neorealismo fino a Instagram!»

uomini e donne mascherine

“Uomini e donne” mascherine trasparenti sono a norma? Telespettatori furiosi

Uomini e donne, mascherine trasparenti sono a norma? Siamo alla seconda puntata e il programma di Maria De Filippi ha già suscitato parecchio clamore. Sui social tanti utenti si sono soffermati sull’utilizzo di mascherine trasparenti da parte dei partecipanti, lontane da quelle ortodosse che siamo abituati a vedere per strada. Le mascherine in questione lasciano scoperta l’espressione del viso. E molte persone sui social hanno puntato il dito contro il dating show di Canale 5 chiedendo se fossero a norma e utili a prevenire il contagio da Covid. Queste strane mascherine, infatti, sembrano coprire soltanto una parte del volto, quella inferiore, lasciando libero il naso. «Ma ci prendete in giro?», ha scritto furioso sui social un utente. Le mascherine paiono piuttosto delle visiere, che andrebbero indossate sì però in concomitanza delle mascherine. Un po’ come fanno le logopediste, per intenderci, o le maestre d’asilo. Siamo certi che negli studi Mediaset la salute delle persone invitate sia monitorata con la misurazione della febbre, tamponi e accorgimenti vari. La stessa Barbara D’Urso alla prima puntata di ‘Pomeriggio 5’ ha spiegato che in azienda i controlli sono serrati: gli addetti si muovono con cautela e tutto avviene nel rispetto delle regole. Il dubbio del pubblico è tuttavia lecito: queste mascherine di ‘Uomini e donne’ prevengono dal rischio Coronavirus o no? Sono a norma?

uomini e donne mascherine

Un cattivo esempio per i giovani? Sembrano delle visiere

Per il pubblico da casa si tratta di un cattivo esempio. Per la maggior parte degli utenti su Twitter non si tratta di dispositivi anti contagio ma di visiere antisputo. Niente di più. Ad alimentare la polemica il fatto che il programma di Canale 5 sia seguito soprattutto da giovanissimi, che potrebbero quindi sottovalutare la pandemia e gli eventuali rischi ad essa connessa notando la nonchalance con cui i propri beniamini ballano vicini. Il disinfettante e una visiera possono bastare? Leggi anche l’articolo —> Gemma Galgani oggi dopo il lifting a ‘Uomini e donne’: «Mi sentivo a disagio…» [FOTO]

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Maria Grazia Cucinotta

Maria Grazia Cucinotta Instagram, un incanto in abito da sera: «Tra le più belle del pianeta»

Justine Mattera Instagram

Justine Mattera Instagram, ipnotico scatto in bianco e nero: «Sempre più spettacolare!»