in

Sicilia, l’uragano Apollo è pronto ad abbattersi sull’isola: le città in allerta rossa

Sicilia uragano Apollo. Sono giorni che l’isola tutta, specie nella zona del Catanese, sta combattendo contro un nubifragio violentissimo. Gli intensi rovesci si sono abbattuti anche sull’isola di Pantelleria. A Catania, oltre i numerosissimi danni, il maltempo ha causato anche la morte di tre persone. Le tre vittime erano una coppia di 60enni e un signore 54enne. Quest’ultimo morto annegato. (Continua dopo la foto)

Ora a preoccupare una delle coste più belle dell’Italia è l’arrivo dell’uragano Apollo. Ancora la Sicilia orientale, su cui rimane il bollino rosso, che è già stata messa in ginocchio dal maltempo degli ultimi giorni, sarà messa a dura prova. Ad oggi si prevede che le zone più a rischio saranno quelle di Siracusa e Augusta. Un giorno di cielo sereno non è stato abbastanza. Adesso arriverà il ciclone Apollo. (Continua dopo la foto)

Sicilia uragano Apollo, Siracusa e Augusta in allerta rossa

L’uragano del Mediterraneo si sta abbattendo sulla Sicilia e sta causando grossi danni sull’Isola, già gravemente martoriata dal maltempo. A Catania i cittadini rimangono in lockdown in casa e le serrande dei negozi non hanno alcuna intenzione di alzarsi. A destare preoccupazione adesso v’è la situazione a Siracusa, in cui si segnalano già violente mareggiate e allagamenti. A commentare la difficile situazione che la sua Regione sta affrontando ormai da alcuni giorni è il governatore Nello Musumeci. Infatti, ha sottolineato: “La Protezione Civile regionale, con le Prefetture, monitora costantemente la situazione e lo spostamento del ciclone che sta interessando la parte sud-orientale dell’Isola. I nostri uomini sono tutti mobilitati, pronti ad accorrere dove si rendesse necessario”.

Terremoto Marche oggi in provincia di Pesaro-Urbino: epicentro e magnitudo

Seguici sul nostro canale Telegram

Terremoto Marche oggi in provincia di Pesaro-Urbino: epicentro e magnitudo

g20 roma cos'è

G20 Roma cos’è, programma: tutto quello che c’è da sapere