in

Variante Covid, Ricciardi: «Inghilterra ha taciuto per mesi. Scuola? Difficile riaprire il 7 gennaio»

«Gli inglesi sapevano già da settembre che era in circolazione questa variante. Hanno taciuto, non ci hanno avvertito. Ora serve il lockdown. O comunque misure molto severe». Non le ha mandate certo a dire il consulente del Ministero della Salute Walter Ricciardi. In un’intervista a ‘Il Messaggero’ questi ha spiegato che «la nuova variante non è più letale, ma circola con una velocità più alta anche del 70-80%». Tuttavia non pare alterata «la capacità protettiva del vaccino».

leggi anche l’articolo —> Variante Covid inglese nuovo caso sospetto, Spallanzani: «Finora no alterazioni preoccupanti»

Walter Ricciardi

Variante Covid, Ricciardi: «Inghilterra ha taciuto per mesi. Scuola? Difficile riaprire il 7 gennaio»

Per il consulente del Ministero della Salute le misure prese a Natale sono insufficienti e «sarà difficile riaprire le scuole il 7 gennaio». E ancora: «A Natale si rischia una nuova impennata». Per Walter Ricciardi i voli dal Regno Unito andrebbero chiusi in tutta Europa: «Di fronte a questa nuova variante che probabilmente è già in Italia, temo che chiusure severe siano inevitabili». A detta sua «la circolazione del virus è intensa, il numero di infetti è alto. Le misure di contenimento devono durare di più. Almeno un mese, un mese e mezzo». In più «quello che non funziona è la fretta con cui si passa da un colore all’altro», ha dichiarato fermo il consulente del Ministero della Salute.

Walter Ricciardi

«La stragrande maggioranza degli italiani rispetta le regole. Però c’è un 10-20% per cento, non incline a modifiche del proprio comportamento»

Ricciardi però è soddisfatto nel complesso dell’atteggiamento che i cittadini hanno assunto nei confronti del virus: «La stragrande maggioranza degli italiani rispetta le regole. Però c’è un 10-20% per cento, non incline a modifiche del proprio comportamento». A proposito dei vaccini, Ricciardi ha detto: «Di AstraZeneca sappiamo che hanno due protocolli: uno con ‘dose piena-dose piena’ che ha una protezione intorno al 70%, e uno ‘mezzadose-dose piena’ al 90, che però deve essere consolidato da una sperimentazione di fase 3 e serviranno altri mesi. Potrebbero registrare il primo protocollo, che comunque ci darebbe un altro vaccino con una protezione importante, con molte milioni di dosi». Poi la puntualizzazione: «L’importante è avere più armi: Johnson&Johnson dovrebbe essere pronto a primavera ed è interessante, perché è monodose». Leggi anche l’articolo —> Covid, Miozzo (Cts): “Virus cinico, scontiamo anni di tagli alla sanità”

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

DETTAGLI ALLEGATO bollettino.jpg 21 Dicembre 2020 81 KB 1200 per 614 pixel Modifica immagine Elimina definitivamente

Covid, il bollettino di oggi: 10.872 contagi e 415 morti

Omicidio Maria Chindamo, perché i giudici hanno scarcerato il sospettato Salvatore Ascone: le motivazioni