in

Viareggio, Salvini contestato da Alberto Veronesi: «Non si scherza con l’antifascismo»

Alberto Veronesi, direttore d’orchestra e candidato del Pd alle regionali della Toscana, ha contestato il leader della Lega Matteo Salvini durante un comizio a Viareggio. Confuso tra la folla dei simpatizzanti del capitano questi ha alzato la voce per tenere alti i valori dell’antifascismo. «Mio padre Umberto mi ha insegnato quello che diceva Max Weber: la responsabilità è il terreno su cui politica e professionalità possono incontrarsi per il bene del paese», ha spiegato il 53enne riferendosi al padre oncologo Umberto scomparso due anni fa.

leggi anche l’articolo —> Alessandro Sallusti, verità scomoda: “Salvini l’utile idiota di Conte e di Di Maio”

Salvini contestato

Viareggio, Salvini contestato da Alberto Veronesi: «Non si scherza con l’antifascismo»

Viareggio, Salvini contestato da Alberto Veronesi duramente di fronte a centinaia di sostenitori del Carroccio. È accaduto durante il comizio a Viareggio di domenica 9 agosto. Il candidato del Partito democratico al consiglio regionale, nonché direttore musicale del Festival Puccini di Torre del Lago, Alberto Veronesi, si è piazzato davanti al leghista con un cartello. «Noi siamo una città civile. Vergogna, non si scherza con l’antifascismo», ha urlato il figlio del noto medico. Poco dopo è salito in piedi sopra un piccolo basamento: «Questa è terra di libertà, questa è terra di antifascismo. Non si scherza con l’antifascismo», ha tuonato il 53enne.

Salvini contestato

«Se il direttore di uno dei principali festival musicali è quello che viene qua come un matto…», il leader della Lega

In una nota Veronesi ha scritto che «a Salvini piacerebbe che io fossi soltanto un povero matto. No. Io sono soltanto il figlio di una donna che ha conosciuto l’orrore del lager di Bergen Belsen e che fin da ragazzo ha respirato una cultura antifascista» e ha accusato la Lega di fare l’occhiolino «ai fascisti e di scherzare sull’antifascismo». «Questa mattina mi ero organizzato per essere in Passeggiata a Viareggio per distribuire i miei volantini elettorali. Poi, quando ho saputo dell’arrivo di Salvini, ho pensato che sarebbe stato carino andare a salutarlo. Mi sono avvicinato pacificamente al palco e, gandhianamente, ho loro ricordato che questa è terra di civiltà. Ma non essendomi stato permesso di avvicinarmi al gazebo della Lega, il benvenuto a lui e a Susanna Ceccardi, l’ho gridato. Ricordando loro che questa questa è terra di civiltà e di accoglienza», ha spiegato Veronesi candidato col Pd alle regionali.

Durante la contestazione Matteo Salvini, al fianco della candidata leghista, Susanna Ceccardi, ha guardato dapprima impassibile Veronesi, poi al microfono ha affermato che «se il direttore di uno dei principali festival musicali è quello che viene qua come un matto a gridare la domenica mattina a gente che non la pensa come lui, allora qua a Viareggio ci sono da cambiare molte cose». Leggi anche —> Umberto Bossi “siluro” a Salvini: «Oggi il Nord viene barattato per i voti al Sud»

 

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Antonella Mosetti da togliere il fiato in Costa Smeralda, ma il viso è irriconoscibile

Virginia Raggi sindaco

Virginia Raggi: «Mi ricandido, sono convinta che possiamo andare avanti»