in

Omicidio nell’Ennese, la signora Vittoria è stata uccisa dalla figlia

Omicidio Aidone Vittoria Malaponti uccisa dalla figlia. La tragedia si è consumata ieri mattina, martedì 16 novembre, alle prime luci dell’alba. Luogo dell’orrore che risiede nell’Ennese, Aidone, in cui una donna di 69 anni è stata trovata morta nella propria abitazione. La vittima è Vittoria Malaponti, casalinga di 69 anni. (Continua dopo la foto)

Interrogatori su interrogatori, specie tra i familiari, poi la confessione della figlia 47enne, Maria Gozza, che ha sempre accudito la madre da oltre 20 anni, fin dal decesso del padre. È scattato immediatamente l’arresto della donna, in stato di fermo con l’accusa di omicidio. In un primo momento gli inquirenti avevano collocato la morte della donna tra i suicidi. (Continua dopo la foto)

Omicidio Aidone Vittoria Malaponti uccisa dalla figlia

Chi ha lanciato l’allarme è stato un famigliare della donna, che ai carabinieri della stazione di Aidone ha raccontato che la 69enne si fosse suicidata. Una volta raggiunto l’appartamento della vittima, i militari hanno trovato il cadavere della donna in una pozza di sangue con la testa fracassata. Poco distante dal corpo un batticarne e un coltello. “Ad uccidere la donna in modo cruento – spiegano gli investigatori – è stata la figlia per motivi riconducibili verosimilmente alla prossima collocazione dell’anziana in una struttura residenziale”. Vittoria soffriva da diverso tempo di una grave malattia invalidante e, stando a quanto riferito dal legale della figlia, una situazione di forte stress avrebbe portato Maria al gesto estremo di uccidere la madre. (Continua dopo la foto)

Donna uccisa nell’Ennese, con la testa fracassata e un batticarne vicino al corpo

 

Seguici sul nostro canale Telegram

Regioni gialle e rosse restrizioni solo per non vaccinati

Non vaccinati, restrizioni solo per loro in zona gialla e arancione: già dalla prossima settimana

Covid bollettino 17 novembre 2021

Covid oggi 10mila casi e 72 morti, salgono a oltre 4mila gli italiani ricoverati con il virus