in

Vittorio Brumotti a “Verissimo”: «Mi hanno chiuso tra le porte dell’autobus», Toffanin allibita

Il conduttore televisivo e ciclista italiano, campione di bike trial, Vittorio Brumotti, è stato ospite lo scorso sabato di “Verissimo”. Il 40enne si è aperto per la prima volta: ha raccontato dettagli mai svelati della sua infanzia. Ha parlato pure di un suo amico disabile che ha difeso dai bulli. L’inviato di Striscia la notizia con delicatezza ha confidato a Silvia Toffanin ricordi particolari del suo vissuto. Non un periodo semplice quello dell’adolescenza, come spiegato dal volto noto della tv.

leggi anche l’articolo —> Lapo Elkann su Maradona, confessione di pancia a “Verissimo”: Toffanin commossa

Vittorio Brumotti

Vittorio Brumotti a “Verissimo”: «Mi hanno chiuso tra le porte dell’autobus», Toffanin allibita

«Nell’età dell’adolescenza non riuscivo a legare con i miei coetanei. Non giocavo al fantacalcio, ma ero sempre quello con i pantaloni colorati in giro a saltare con la bici. Ero considerato lo sfigato. Il mio compagno di banco aveva una disabilità, io l’ho difeso dai bulli e ho denunciato alla scuola», ha raccontato Vittorio Brumotti. «Poi sono stato bullizzato anch’io. Mi hanno chiuso con la cartella in mezzo alle porte dell’autobus. Solo dopo qualche metro una ragazza ha avvertito l’autista», ha dichiarato sempre l’inviato del tg satirico di Antonio Ricci. E ancora: «Ricordo il gioco della moneta da fermare con la testa altrimenti ti picchiavano…», ha proseguito sempre l’ospite da Silvia Toffanin, che sbigottita ha ascoltato il racconto choc in silenzio. Leggi anche l’articolo —> Marina La Rosa choc a “Domenica Live”: «Sangue sul viso. Il mio ex cercò di investirmi…»

Vittorio Brumotti

La passione per il triathlon e l’impegno a “Striscia la notizia”

«Fin da piccolo non ho avuto paura di prenderle, preferivo comunque denunciare le ingiustizie e stare dalla parte dei più deboli. ‘Striscia la Notizia’? Una vocazione», ha sottolineato Vittorio Brumotti. Qualche parola infine sull’amore per la bici: «Devo la mia passione ai campioni di triathlon dell’epoca. A 14 anni ho aperto la partita Iva per farmi sponsorizzare nelle gare», ha detto sempre a “Verissimo” Brumotti, che nel 2013, seguendo le orme del collega Martyn Ashton. Leggi anche l’articolo —> Elisabetta Gregoraci, l’ex Mino Magli incontenibile: «Stava con me e altri uomini insieme»

 

Coronavirus danni neurologici

Il Coronavirus può entrare nel cervello attraverso il naso: lo studio su “Nature Neuroscience”

Morte Maradona, avrebbe avuto una crisi di astinenza pochi giorni prima