in

Yara, Massimo Bossetti ricorre in Cassazione: denuncia al Ris di Parma e richiesta ispezione al Tribunale di Bergamo

Caso Yara, Massimo Bossetti ricorre in Cassazione e chiede un’ispezione al Tribunale di Bergamo. A rendere note le nuove mosse della difesa del muratore di Mapello, condannato all’ergastolo in via definitiva per il delitto della ginnasta di Brembate, è il settimanale Oggi.Yara, Massimo Bossetti fa ricorso in Cassazione

Massimo Bossetti fa ricorso in Cassazione

Un passo annunciato, quello degli avvocati Claudio Salvagni e Paolo Camporini, dopo il clamoroso dietrofront della Corte d’assise di Bergamo. “Per due volte la Corte d’Assise di Bergamo ci dice di sì che si possono fare queste attività (la ricognizione dei reperti di indagine ndr), aveva dichiarato Salvagni a mezzo stampa. “E la stessa Corte d’Assise quando poi gli chiediamo ‘come e quando fare queste attività’ ci risponde che è inammissibile”.

Denuncia penale al Ris di Parma

Il ricorso in Cassazione di cui in oggetto, secondo quanto trapelato verterebbe su una denuncia penale per «rifiuto di atti d’ufficio» nei confronti del Ris di Parma. Presentata anche un’istanza al ministro di Grazia e Giustizia, Alfonso Bonafede, affinché disponga una ispezione nel tribunale di Bergamo. Secondo quanto scrive in esclusiva il settimanale Oggi, il ricorso in Cassazione sarebbe finalizzato a “sbloccare il provvedimento con il quale il giudice dell’esecuzione, Giovanni Petillo, il 15 gennaio scorso ha messo sotto confisca i reperti dell’inchiesta sull’omicidio di Yara Gambirasio”.

Yara, Massimo Bossetti fa ricorso in Cassazione

Caso Yara ricognizione reperti: prima concessa poi giudicata inammissibile

La denuncia del Ris di Parma e del suo comandante, il colonnello Giampietro Lago, sarebbe motivata dal fatto che, malgrado l’autorizzazione firmata a fine novembre 2019 dal giudice Petillo, avrebbero “rifiutato, confermando peraltro l’atteggiamento ostile serbato durante l’intero procedimento/processo, il rilascio di quanto richiesto ed autorizzato dall’Autorità giudiziaria”. Accadimenti che, di fatto, hanno generato una fase di stallo che ha bruscamente interrotto l’attività di indagine difensiva mirata a chiedere la analisi dei reperti di indagine e una nuova perizia sul Dna. Il lavoro degli avvocati di Bossetti in questi anni non si è mai interrotto. Bossetti, lo ricordiamo, si è sempre professato innocente e vittima di un clamoroso errore giudiziario. Potrebbe interessarti anche —> Caso Yara, Elisabetta Aldrovandi: «Dubbia la condanna di Massimo Bossetti»

Yara, Massimo Bossetti fa ricorso in Cassazione

palermo nubifragio

Palermo violento nubifragio, gente nuota in strada: due dispersi

Diletta Leotta

Diletta Leotta e il giardinaggio, il tubino una seconda pelle: «Con te anche le piante crescono veloce…»