in

Quali regioni passano in zona arancione da lunedì 24 gennaio

Altre quattro regioni in arancione: Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Piemonte e Sicilia. È questa la situazione che emerge dagli indicatori sull’andamento dell’epidemia da Covid-19. Si vanno ad aggiungere alla Val d’Aosta, che è già in arancione, mentre in bianco rimangono Basilicata, Molise, Puglia, Sardegna e Umbria. Secondo quanto riferito anche dal «Corriere della sera» la media delle terapie intensive occupate nel nostro Paese è pari al 17,3%, in area medica è al 31,6%. Stando agli ultimi dati ci sono 2011 nuovi contagiati settimanali su 100mila abitanti. Il ministro della Salute Roberto Speranza firmerà nel corso della giornata di oggi l’ordinanza.

leggi anche l’articolo —> Nuovo decreto Covid, alimentari e farmacie senza Green Pass: come avverranno i controlli

zona arancione regole

Quali regioni passano in zona arancione da lunedì 24 gennaio

Passeranno dalla zona gialla a quella arancione quattro regioni italiane, che si vedranno costrette a fare i conti con misure assai più rigide. A decretare il passaggio verso una colorazione più marcata gli alti tassi di occupazione non solo delle terapie intensive, ma anche dei reparti ordinari. Si attende la conferma con i dati del monitoraggio Iss, ma è praticamente certa la firma del ministro Speranza sull’ordinanza, che ne fissa il passaggio di fascia. Verso il cambio quelle ragioni che hanno raggiunto o superato la soglia del 20% nelle intensive secondo i dati Agenas. Sono appunto il Friuli Venezia Giulia (23% intensiva, 34% area non critica), Piemonte (23% intensiva, 30% area non critica), Abruzzo (22% intensiva, 32% area non critica)e Sicilia (20% intensiva, 37% area non critica). Incerto, invece, il passaggio in zona rossa della Valle d’Aosta, al momento in arancione.

zona arancione regole

Quali sono le regole da rispettare

Quali sono le regole della zona arancione? Tutte le attività rimangono aperte, ma nei bar e nei ristoranti potranno entrare soltanto i possessori di green pass rafforzato. Per chi non ha la certificazione verde rafforzata ci sono altri divieti: non è consentito uscire dal proprio comune di residenza se non per motivi di «lavoro, necessità, salute o per servizi non sospesi ma non disponibili nel proprio comune»; non è permesso accedere agli impianti di risalita delle piste da sci;
tantomeno entrare nei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi, partecipare ai corsi di formazione in presenza e infine praticare gli sport di contatto. Leggi anche l’articolo —> Cosa succede se il Green pass scade mentre si è sul posto di lavoro

zona arancione regole

 

Seguici sul nostro canale Telegram

nuovo decreto covid

Nuovo decreto Covid, alimentari e farmacie senza Green Pass: come avverranno i controlli

meat loaf

Addio a Meat Loaf, chi era il cantante icona del rock: carriera e curiosità