in

Alberto Angela e l’olio d’oliva più antico del mondo sepolto a Pompei: «L’ho trovato così…»

Alberto Angela felice come un bambino al luna-park. Il divulgatore scientifico ha annunciato sui social di aver ricevuto l’esito di importanti analisi scientifiche che confermano che una bottiglia, ritrovata da lui per caso nei depositi del “Museo Archeologico Nazionale” di Napoli durante le riprese di SuperQuark, contiene davvero dell’olio d’oliva. E si tratta del più antico del mondo.

leggi anche l’articolo —> Piero Angela, Coronavirus: «Un mio caro amico è morto, l’ho rivisto in un barattolo con una targhetta…»

Alberto angela

Alberto Angela e l’olio d’oliva più antico del mondo sepolto a Pompei: «L’ho trovato così…»

«Era il luglio del 2018 quando mi trovavo con la troupe nel MANN, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, per girare un servizio per SuperQuark sui suoi magnifici depositi che custodiscono migliaia di reperti rinvenuti soprattutto (ma non solo) a Pompei, Ercolano e in altri siti sepolti dalla drammatica eruzione del 79 d.C. Avevamo appena finito di filmare il settore dei reperti in vetro (bellissimi). E, poco prima di lasciare la stanza, avevo notato una bottiglia di epoca Pompeiana, coricata in una cassetta polverosa: al suo interno intravedevo del materiale solidificato in perfetto stato di conservazione», ha raccontato Alberto Angela. «Sono ormai 25 anni che realizzo servizi, puntate o libri su Pompei e avevo intuito subito la portata scientifica e storica di quel reperto dimenticato nei depositi. Quella bottiglia si trovava nel Museo dal 1820, quando era stata scoperta durante alcuni scavi di età Borbonica e collocata in questi sterminati depositi assieme a migliaia di altri reperti. Di quella bottiglia si era poi persa la memoria e, soprattutto, nessuno l’aveva mai studiata…», ha proseguito il divulgatore scientifico.

Alberto angela

«Non è insolito, infatti, fare nuove scoperte nei depositi dei grandi musei. Ma questa era apparsa subito molto promettente»

«Non sapevo cosa fosse quel materiale dentro la bottiglia. Essendo la sua superficie un po’ in pendenza, avevo pensato che, in origine, si trattasse di una sostanza liquida e che la bottiglia, nella violenza dell’eruzione, fosse stata sepolta semi adagiata, rimanendo in quella posizione per secoli e portando quindi il liquido a solidificarsi “inclinato”. Avevo fatto subito contattare il direttore del museo Giulierini, che si era mostrato, come me, entusiasta del ritrovamento. Non è insolito, infatti, fare nuove scoperte nei depositi dei grandi musei. Ma questa era apparsa subito molto promettente. Sebbene la forma della bottiglia facesse pensare a dell’olio o a del vino, non potendo essere certi sulla natura del contenuto, non ci eravamo sbilanciati. Solo attraverso accurate analisi scientifiche di laboratorio sarebbe stato possibile trovare la risposta», ha chiarito Alberto Angela.

Carissimi,
è con grande piacere che voglio condividere con voi una notizia arrivata proprio in questi giorni. Per…

Pubblicato da Alberto Angela su Venerdì 13 novembre 2020

Alberto Angela e l’olio d’oliva più antico del mondo: l’importante scoperta scientifica

In queste giorni la splendida notizia: «Sono lieto di condividere con tutti voi la notizia che le ricerche si sono concluse e che, effettivamente, quella bottiglia contiene olio di oliva. Anzi, l’olio di oliva più antico del mondo. Per arrivare a questa conclusione è stato fondamentale il lavoro svolto dal Dipartimento di Agraria dell’Università Federico II di Napoli in collaborazione con il Museo Archeologico Nazionale di Napoli (MANN)», ha sottolineato il conduttore, che ha voluto ringraziare sui social quanti hanno contribuito a questa significativa conferma scientifica. «Personalmente sono molto contento che, sebbene siano anni che non partecipi più attivamente a degli scavi, la mia passione per la ricerca mi consenta ancora di fare delle “scoperte” (in questo caso sarebbe meglio dire una “ri-scoperta”)», ha concluso Alberto Angela. Leggi anche l’articolo —> Alberto Angela quanto guadagna? Il compenso del conduttore di “Ulisse”

Written by Cristina La Bella

Cristina La Bella è redattrice di "UrbanPost". Sin da bambina sogna di diventare giornalista. Si laurea nel 2014 in "Lettere Moderne" e nel 2017 in "Filologia Moderna" all'Università La Sapienza di Roma. Il 16 aprile 2018 riceve il riconoscimento di "Laureato Eccellente" per il suo percorso di studi. Cofondatrice di "Voci di Fondo", ha scritto, tra i tanti, con giornali quali "Prima Pagina Online", "Newsly", “SuccedeOggi" e “LuxGallery”. Nel tempo libero le piace leggere, vedere film e fare shopping. Il più grande amore: i suoi nipotini.

Coronavirus, Bonaccini (pres. Emilia-Romagna): «I posti letto non sono infiniti»

Chiara Ferragni e Fedez

Chiara Ferragni e Fedez mostrano la foto dell’ecografia: è subito polemica sui social