in

Andrea Orlando in quarantena: «Ho preso l’aereo con un malato Covid-19»

«Ieri sono stato contattato da una dottoressa gentilissima del Ministero della Sanità che mi ha comunicato che nei giorni scorsi avevo viaggiato su un aereo dove era presente un passeggero malato di Covid, dovrò osservare per questo alcuni giorni di isolamento. Pochi minuti dopo mi è arrivata la telefonata dell’Asl del Lazio (poiché mi trovo a Roma) competente che mi ha dato le indicazioni e le prescrizioni necessarie comprese quelle per fare il tampone», dice così Andrea Orlando in un post su Facebook. Il vicesegretario del Pd torna per la seconda volta in quarantena.

leggi anche l’articolo —> Coronavirus, crescono i nuovi casi: oggi sono 329, il 73% in Lombardia

Andrea Orlando

Andrea Orlando in quarantena: «Ho preso l’aereo con un malato Covid-19»

Il politico Dem ha spiegato di aver già fatto i controlli richiesti: «Nel pomeriggio mi è arrivata la mail con i riferimenti necessari per l’esame che ho fatto oggi. Questa mattina, infatti, nel complesso ospedaliero di S.Maria della Pietà, dopo qualche minuto di attesa, il personale, gentile e professionale, ha fatto il prelievo necessario. Adesso altra quarantena», ha dichiarato Andrea Orlando. Il 51enne ligure non ha nascosto il fastidio per la nuova limitazione. Questi era già stato in isolamento forzato a marzo dopo che il segretario del Pd Nicola Zingaretti era risultato positivo al Coronavirus. «Spero di essere compreso se dico che non sono esattamente entusiasta di questa ulteriore quarantena, ringrazio però tutte le donne e gli uomini (del ministero e della regione Lazio) che hanno attivato e fatto funzionare con efficienza e professionalità questo servizio a tutela della nostra salute. Stiamo vincendo il virus anche grazie a loro». 

Chi è il vicesegretario del Pd

Andrea Orlando è un politico italiano. Nato l’8 febbraio 1969 a La Spezia, è attualmente vicesegretario del Pd. Ha rivestito le cariche di ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare nel governo Letta dal 28 aprile 2013 al 22 febbraio 2014 e di Ministro della Giustizia della Repubblica Italiana dal 22 febbraio 2014 al 1º giugno 2018 nei governi Renzi e Gentiloni. leggi anche l’articolo —> Napoli festeggiamenti senza regole, Salvini: «De Luca dov’era?»

 

Io e te Gianmarco Tognazzi

“Io e te”, Gianmarco Tognazzi ricorda il padre: «La camera di Ugo ha ancora il suo odore»

Elettra Lamborghini Instagram, il décolleté esplode dal micro top: «Che bontà!»