in

Angela Celentano scomparsa: 25 anni di mistero, cosa accadde davvero sul Monte Faito?

Angela Celentano scomparsa 25 anni fa: ieri 10 agosto correva il triste anniversario della misteriosa sparizione della bimba di tre anni sul Monte Faito (Napoli). Oggi avrebbe 28 anni e i suoi famigliari nutrono ancora la speranza di poterla riabbracciare.

Rosa e Noemi, le sorelle di Angela, nelle scorse ore hanno scritto un toccante post su Facebook. “Sono circa le nove del 10 agosto 1996, quando Angela esce dal portone della nostra casa. Venticinque* anni dopo, aspetto ancora il momento che Angela faccia rientro, da quello stesso portone”.

Angela Celentano scomparsa 25 anni fa: il toccante messaggio delle sorelle

Drammatico rivivere i momenti in cui la famiglia apprese che Angela era scomparsa. L’allegria di una gita in montagna si trasformò in un inferno:

“…Quell’urlo strozzato in gola, ‘non vedo più Angela’, gridato quel giorno, negli anni si è capovolto, trasformandosi in una profonda sicurezza.
…25 anni dopo aspetto ancora di sentire la sua voce;
25 anni dopo aspetto ancora di vedere i suoi grandi occhi marroni;
25 anni dopo, ormai cresciute, aspetto il momento in cui racconteremo le nostre vite…
25 anni dopo sono ancora qua a dirti che ti sto aspettando, che ti stiamo aspettando!”.

Angela Celentano nuova pista

La famiglia spera ancora di poterla riabbracciare

Le due ragazze, insieme ai genitori, non hanno mai perso la speranza di poter ritrovare Angela in vita e riabbracciarla. Lo scorso 11 giugno hanno pubblicato su Facebook una lettera per farle gli auguri di compleanno:

“Buon compleanno Angela, sorellina. Buon compleanno a te, che sarai pur lontana dai nostri occhi e dalla tua Casa, ma non sei mai lontana dai nostri cuori e dai nostri pensieri. Preghiamo e ti auguriamo che sia felice e che stia vivendo nella benedizione e nella realizzazione di ogni tuo piccolo e grande sogno”

ARTICOLO: Angela Celentano vittima di qualcuno che conosceva, Roberta Bruzzone: «Non credo serva cercare molto lontano»

La speranza di riabbracciarla è forte

“Preghiamo e ti auguriamo che tu possa essere fiera ed orgogliosa della donna che stai diventando; che tu possa essere coraggiosa e non possa mai tirarti indietro quando e se la vita ti mette davanti a delle sfide e che tu sia circondata sempre dall’amore e dalla gioia”. 

“Il tempo passa e non si può fermare, anche se volessimo. Ma sappi che ogni anno, ogni mese ed ogni giorno speriamo che sia l’ultimo da vivere lontane, affinché ci saranno meno cose da raccontare e più cose da vivere, finalmente insieme. Con la ferma speranza di riabbracciarti, un giorno, tanti auguri di buon compleanno Angela, ovunque tu sia”. 

Scomparsa Angela Celentano: la scheda di Chi l’ha visto?

Angela Celentano

Sesso:F
Età:3 (al momento della scomparsa)
Nazionalità:italiana
Statura:100
Occhi:castani
Capelli:castani
Scomparso da:Monte Faito (Napoli)
Data della scomparsa:10/08/1996
Data pubblicazione:08/10/1996,01/10/1996

La mattina del 10 Agosto 1996 Angela Celentano, una bambina di 3 anni, partecipa con i suoi genitori, una casalinga ed un operaio, ed altre 40 persone, alla gita annuale al Monte Faito che la Comunità Evangelica di Vico Equense (Napoli) è solita fare ogni estate. Improvvisamente, poco dopo le 13, il padre di Angela si accorge che la figlia non è più lì intorno a giocare.

Le parole dell’unico giovane testimone oculare

Renato, un bambino di 11 anni, racconta di essere sceso poco prima, proprio con Angela, per il sentiero che porta al parcheggio, per posare in macchina il suo pallone.
Ha pregato Angela di non seguirlo, ma la bambina non si è lasciata convincere.
A metà discesa il sentiero si incrocia con un altro trasversale: qui Renato ha ripetuto ad Angela di tornare indietro dalla mamma, quindi ha continuato da solo la sua discesa. Lasciata la palla in macchina è tornato verso il resto della comunità senza incontrare nessuno.

Tutti i presenti, parenti, amici e volontari, iniziano a cercare Angela in tutte le direzioni. La zona è molto affollata, ci sono molti gitanti, ma nessuno sembra averla vista. Nei giorni successivi, mentre i genitori non abbandonano mai il luogo della scomparsa, intervengono anche i Carabinieri, la Guardia di Finanza, la Polizia, l’Esercito, unità cinofile ed elicotteri, sotto la direzione della Prefettura di Napoli. Infine gli inquirenti si convincono che Angela non può trovarsi più in quella zona.

telefonata angela celntano

I Carabinieri di Vico Equense ascoltano la testimonianza dei presenti alla gita, riguardano ripetutamente le immagini del filmatino girato poco prima della scomparsa di Angela, che la ritrae giocare con gli altri bambini e con i genitori. Arrivano molte segnalazioni quasi tutte anonime, vengono perquisite case e ville della zona. Il 19 Agosto arriva a casa di Angela una telefonata in cui si sente solo un pianto disperato di bambina.

Troppe incongruenze

Un misterioso testimone invita a ricercare la spiegazione della scomparsa all’interno della Comunità Evangelica. Un mese dopo i Carabinieri fanno un’interessante scoperta. Un altro bambino – Luca, 12 anni – racconta di aver incontrato quel giorno Renato insieme ad Angela mentre risaliva il sentiero. Luca dice di aver invitato l’amichetto a riportare la bambina alla madre, offrendosi lui stesso di farlo. Renato non gli avrebbe dato ascolto, ed avrebbe continuato a scendere con Angela verso il parcheggio.

Luca sostiene di non aver mai raccontato questo particolare perché tutti sapevano che l’ultimo ad aver visto la bambina era stato proprio Renato. La versione di Renato contrasta con quanto dice Luca, per questo i due bambini sono stati messi a confronto ed interrogati separatamente alla presenza dei magistrati, ma alla fine le loro posizioni sono rimaste le stesse e sempre contrastanti.
Il mistero di Angela è tuttora irrisolto. Potrebbe interessarti anche: Angela Celentano caso archiviato, ma i genitori ribadiscono: «Per noi la parola ‘fine’ non esiste»

green pass documento identità

Green pass traballa ancora: i gestori dei locali possono chiedere un documento d’identità?

green pass scuola

Green Pass, presidi: “Banche dati dei vaccini a disposizione delle scuole”