in

App Immuni, Matteo Salvini contro l’utilizzo: «Io non scarico nulla! Vogliamo certezze!»

Durante il lockdown ha fatto discutere la proposta dell’App Immuni. Ovvero un’applicazione in grado di tracciare i contagi in giro per l’Italia. C’è chi non ha approvato quest’idea per una questione di privacy e chi ne mette in dubbio la precisione visto i pochi tamponi che sono stati fatti in giro. Nonostante i dubbi della comunità ora l’app è diventata realtà. Abruzzo, Liguria, Marche e Puglia sono le prime regioni che hanno attivato l’applicazione. Tra le voci di chi non approva questo strumento c’è anche Matteo Salvini, il leader della Lega.

leggi anche l’articolo —> Matteo Salvini: età, altezza, peso, vita privata e carriera del leader della Lega

app immuni salvini

App Immini

L’app Immuni inizia oggi il suo monitoraggio nelle prime quattro regioni italiane, Abruzzo, Liguria, Marche e Puglia. Dopo la prima fase sperimentale l’app sarà operativa anche su scala nazionale, dal prossimo 15 giugno. Immuni si serve della tecnologia Bluetooth dello smartphone, e permette di ripercorrere a ritroso tutti i contatti di una persona risultata positiva al Covid-19, così da poter rintracciare isolare tempestivamente altri potenziali contagiati. Secondo la ministra per le innovazioni, Paola Pisano, l’app sarebbe già stata scaricata da 2 milioni di cittadini. Al momento la scelta di scaricarla o no è libera, tant’è che c’è già chi non approva quest’idea. Primo tra tutti Matteo Salvini.

app immuni salvini

Le parole di Salvini

Il leader della Lega ha le idee chiare per quanto riguarda l’app Immuni. Oggi Matteo Salvini era in visita all’associazione “Lega del Filo D’oro” a Osimo, in provincia di Ancona, e alla conclusione ha espresso il suo parere su questa nuova applicazione. “Io non scarico assolutamente nulla. Gli italiani chiedono garanzia totale nella gestione e tutela dei loro dati e fino a quando non ci sarà questa garanzia, io non scarico nulla”. La polemica è legata principalmente al discorso della privacy. La app in questione ha però ricevuto il via libera anche da parte del Garante per la protezione dei dati personali, che ha autorizzato il ministero della Salute a disporre di questo strumento in funzione anti-contagio. leggi anche l’articolo —> Matteo Salvini Campania: il giallo dell’Etna al posto del Vesuvio nella locandina

Lezioni di inglese online per bambini con NovaKid

Lorenzo

Lorenzo Comarca, il baby calciatore colpito da una rara malattia che sogna di incontrare Dybala