in

Assalto alla Cgil del 9 ottobre, chiesto giudizio immediato per i leader di Forza Nuova e altri 11

Assalto alla Cgil di Roma del 9 ottobre 2021, la Procura capitolina ha chiesto il giudizio immediato per i leader di Forza Nuova, Giuliano Castellino e Roberto Fiore, e altre undici persone in relazione agli scontri avvenuti nella manifestazione no green pass e all’assalto alla sede nazionale della Cgil. (Continua a leggere dopo la foto)

Assalto alla Cgil di Roma del 9 ottobre 2021

Oltre a Fiore e Castellino al termine delle indagini preliminari i pm hanno sollecitato l’immediato per l’ex Nar Luigi Aronica, Pamela Testa, Salvatore Lubrano, Francesco Bellavista, Roberto Borra, Luca Castellini, Fabio Corradetti, Lorenzo Franceschi, Massimiliano Petri, Federico Trocino e Massimiliano Ursino.

Assalto Cgil Roma 9 ottobre 2021, i reati contestati ai 13 a giudizio immediato

Nell’inchiesta, coordinata dal procuratore di Roma Michele Prestipino e dalla pm Gianfederica Dito, a tutti gli indagati vengono contestati i reati di devastazione aggravata in concorso e quello, sempre in concorso, di resistenza a pubblico ufficiale pluriaggravata. Nei confronti di Castellino, Fiore, Aronica viene contestato anche il reato di istigazione a delinquere.

Roma, 12 arresti per il corteo “no green pass”: ci sono anche i vertici di Forza Nuova

”I fatti oggetto dell’imputazione – si legge in una nota della procura di Roma – riguardano i gravi episodi avvenuti il 9 ottobre nell’ambito della manifestazione di protesta tenutasi in piazza del Popolo contro il cosiddetto ‘green pass’ e hanno portato all’arresto in flagranza differita di Aronica, Castellino, Fiore, Lubrano e Testa, arresto convalidato dal gip con emissione di ordinanza di misura cautelare in carcere confermata dal Tribunale del Riesame”.

“Per gli altri indagati –  prosegue la nota dei magistrati romani – le ulteriori indagini svolte dalla Digos, anche con attento esame dei video effettuati dalla Polizia Scientifica, hanno consentito alla Procura di avanzare richieste di ulteriori misure cautelari, disposte poi dal gip e confermate anch’esse dal Tribunale del Riesame”. I pm di piazzale Clodio hanno invece stralciato la posizione di Biagio Passaro, leader di ‘Io apro’, scarcerato dal Riesame.

Seguici sul nostro canale Telegram

Mario draghi conferenza stampa

Draghi ai giornalisti: «Sono un uomo e un nonno al servizio delle istituzioni» [video-diretta]

Disturbi alimentari, il governo recepisce l’allarme e stanzia un fondo da 25 milioni