in

Cingolani: «Bolletta elettrica in aumento del 40%», i motivi del rincaro

“Lo scorso trimestre la bolletta elettrica è aumentata del 20%, il prossimo trimestre aumenta del 40%, queste cose vanno dette, abbiamo il dovere di affrontarle”. Lo prevede il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani a Genova durante un convegno organizzato dalla Cgil. “Succede perché il prezzo del gas a livello internazionale aumenta, succede perché aumenta anche il prezzo della CO2 prodotta”, ha detto l’accademico.

leggi anche l’articolo —> Pnrr, concorso per 500 funzionari: requisiti richiesti, scadenza e info utili [GUIDA]

bollette energia elettrica

Cingolani: «Bolletta elettrica in aumento del 40%»

Bolletta elettrica in aumento. Rincari di cui aveva scritto Jacopo Giliberto sul “Sole 24 ore”, sottolineando che tale stangata non è da attribuirsi al “solito petrolio”: “Bisogna guardare come si è spostato l’asse del settore energetico, e in particolare le speculazioni internazionali sul metano e sulle emissioni Ets di anidride carbonica, il gas accusato di scaldare il clima”. Per questo c’è grande attesa per le decisioni che prenderà il governo Draghi per addolcire i mercati. “Secondo Francesco Gracceva, ricercatore dell’Enea che coordina l’analisi trimestrale, fattori climatici, l’incremento del Pil (+17%) e della produzione industriale (+34%) hanno determinato una crescita della domanda di energia del 24% e delle emissioni di anidride carbonica (+25%), con ripercussioni sulla transizione energetica nel nostro Paese e sui costi”, spiega Giliberto nel suo articolo.

bollette energia elettrica

Stangata senza precedenti: il motivo del rincaro

Secondo le prospettive tra l’altro in aumento a partire dal 1° ottobre anche le bollette del gas, che potrebbero crescere oltre il 30%. Altro grave colpo per i consumatori e le imprese. Specie quelle che per le cui produzioni è richiesto un alto consumo di energia: lavorazione dei metalli, l’industria cartaria, la produzione del vetro, la ceramica, per esempio. In allarme anche i piccoli negozi con banchi surgelatori e le celle frigorifere, ma in generale quelli che hanno un’alta climatizzazione. In aumento anche il prezzo del carburante: la benzina costa in media 1,65 euro al litro, di cui 62 centesimi di costo industriale e 1,03 euro di disincentivo fiscale. Il gasolio 1,50 euro al litro di cui 61 centesimi di costo industriale e 89 centesimi di fisco. Ma anche in questo caso è inesatto puntare il dito contro il petrolio, che rappresenta soltanto un terzo del prezzo finale. Leggi anche l’articolo —> Verso lo stop di Quota 100, ma Salvini si oppone: “Faremo le barricate per difenderla”

bollette energia elettrica

 

 

Prendersi cura del proprio corpo mangiando bene anche quando hai poco tempo

Champions League Juventus

Champions League, la Juventus in campo senza Chiesa e Bernardeschi: i 20 convocati