in

Zona arancione prima di Pasqua: ecco quali regioni potrebbero non essere più in zona rossa

Cambio colore regioni: chi può tornare in zona arancione? Ad oggi mezza Italia è in zona rossa. Dal 15 marzo 2021 inoltre tutte le regioni in fascia gialla sono passate in fascia arancione. L’unica eccezione resta la Sardegna che attualmente è in zona bianca. Appena cominciato il nuovo lockdown per 11 regioni italiane con le nuove zone rosse, arriva una notizia che potrebbe far sperare tempi migliori. Secondo i dati degli ultimi giorni alcune regioni possono sperare di tornare in zona arancione, quali sono?

cambio colore regioni

Cambio colore regioni quando si deciderà

In fascia rossa ci sono Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Piemonte, Veneto, Marche, Molise, Puglia, Trento. In fascia arancione ci sono invece Basilicata, Bolzano, Toscana, Abruzzo, Calabria, Liguria, Sicilia, Umbria e Valle d’Aosta. Inoltre il ministro della Salute Roberto Speranza ha rilasciato una nuova ordinanza secondo la quale devono trascorrere due settimane, prima che una zona possa cambiare colore. Quindi il monitoraggio di questo venerdì 19 marzo servirà per farsi una idea di cosa potrebbe succedere una settimana dopo. La data decisiva, infatti, sarà proprio quella di venerdì  26 marzo.

L’obiettivo adesso è quello di procedere con le nuove restrizioni per tornare in zona arancione, la settimana prima delle festività pasquali. Questo è il senso infatti di alcune ordinanze regionali e comunali per limitare i focolai causati dalle varianti. La data chiave è il 26 marzo, se per quel giorno i dati del monitoraggio mostreranno un miglioramento le regioni rosse potranno passare nella fascia arancione.

ARTICOLO | La festa di San Patrizio nel Doodle di Google di oggi: perché ci si veste di verde

ARTICOLO | Anniversario dell’unità d’Italia: oggi si celebrano 160 anni di unità nazionale

cambio colore regioni

Quali regioni potrebbero tornare in zona arancione

Gli altri livelli di rischio sono stati decisi in base all’indice Rt e alla tenuta delle strutture sanitarie. Grazie al monitoraggio dell’indice Rt si può dunque capire come si sta diffondendo il virus e quali regioni hanno una contagiosità minore. In base ai dati raccolti chi pare avere le maggiori possibilità di tornare arancione sono la Lombardia, il Veneto e il Lazio. Per le regioni che torneranno arancioni però ci saranno solo cinque giorni di maggiore libertà prima del lockdown di Pasqua. Il 3, il 4 e il 5 aprile, infatti, tutta Italia torna in rosso. Il 6 aprile scade il decreto. Sulla base dei dati aggiornati il governo deciderà le regole da rinnovare e quelle da abolire.

Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, nel suo intervento nel corso della presentazione del libro “Ci abbiamo messo la faccia” del vice capo redattore dell’Agi Giovanni Lamberti, ha commentato la situazione dei contagi della regione Lombardia. “Come sapete, ci sono una serie di parametri che forse andranno rivisti. Il parametro dell’Rt, lo dico da mesi, si riferisce a dati vecchi, di due settimane precedenti. Io credo che dovremo aspettare quello che succederà. Mi auguro che i dati saranno buoni che ci sia la possibilità passare all’arancione anche per dare un po’ di respiro. Non anticipo niente: posso dire che vedo qualche leggero miglioramento”.

San Patrizio

La festa di San Patrizio nel Doodle di Google di oggi: perché ci si veste di verde

OnlyFans cos’è come funziona

OnlyFans, cos’è e come funziona il social che non conosce censura