in

Chi è Franco Pistoni, vita privata e carriera: tutto sullo Iettatore di Avanti un altro

Ogni giorno a partire dalle 18.45 Paolo Bonolis e Luca Laurenti entrano nelle case degli italiani con il game show di Canale 5 Avanti un altro. I vari concorrenti ogni volta si trovano a dover fare i conti con i personaggi del minimondo. Tra di loro c’è anche lo Iettatore, interpretato dall’attore italiano Franco Pistoni. Se si vuole rimanere in gioco si deve rispondere bene alla sua domanda, altrimenti si rischia di tornare a casa a mani vuote. In attesa di vederlo nei panni dello Iettatore, scopriamo qualcosa in più sulla vita privata e pubblica di Franco Pistoni. Quanti anni ha? È sposato? Ha figli? Com’è iniziata la sua carriera nel mondo dello spettacolo? Ecco tutte le risposte a queste domande e tante altre curiosità. 

Franco Pistoni

Chi è Franco Pistoni? La sua vita privata

Franco Pistoni è nato a Rieti il 6 marzo 1956 ed è un attore, regista teatrale e poeta italiano. Ha 65 anni, è alto 190 cm e pesa circa 71 Kg. È del segno zodiacale dei Pesci. Per quanto riguarda la sua vita privata si hanno pochissime informazioni. Non si sa se l’attore sia sposato o meno. L’unica cosa certa è che ha una figlia di nome Chandra, la quale si è laureata nel 2018 in Arti e Scienze dello Spettacolo. Pistoni è molto attivo sui social. Il suo profilo Instagram (@francopistoni) conta oltre 40 mila followers, i quali ogni giorno seguono le sue mille avventure. A partire dal 2012 è diventato un personaggio televisivo grazie al programma Avanti un altro di Paolo Bonolis nel ruolo de Lo iettatore, ispirato al personaggio da lui interpretato nel film di Luigi Magni ‘o Re.

ARTICOLO | Casting Avanti un altro 2021, tutte le informazioni per diventare un concorrente
ARTICOLO | Avanti un Altro : ecco la vera professione de L’Alieno

La sua carriera di attore

Franco Pistoni è un musicista, regista e attore. In teatro ha lavorato, tra gli altri, con Julian Beck, Marco Baliani, Giorgio Barberio Corsetti, Mario Martone e con la Socìetas Raffaello Sanzio di Romeo Castellucci, ricevendo tre candidature al Premio Ubu per il teatro. Ha esordito al cinema con il film Il nome della rosa, di Jean-Jacques Annaud, lavorando poi con registi come Bertolucci, Magni, Chiesa, Garrone, Troisi, Baricco, Manfredonia. Negli anni novanta ha rappresentato opere avanguardistiche di ricerca teatrale in tutto il mondo, dall’America del Sud agli Stati Uniti, dall’Asia all’Europa dell’Est, in Australia. Ha inoltre pubblicato quattro raccolte di poesie: L’acustica del Mar Egeo, Emporio di razza, Risonanze di costola e Delle nuvole ogni sera, resiste. >> Altri Gossip

Tina Cipollari

Perché Tina Cipollari è assente a “Uomini e donne”: «Il motivo è serio»

Khrystyna Novak uccisa per vendetta? Gli indizi che hanno incastrato il vicino di casa