in

Claudia Gerini: «Non mi fido del vaccino», cosa le è successo di brutto in gravidanza

Parole destinate a far discutere, che stanno già scuotendo il web. «Il vaccino anti Covid? No, non sono vaccinata. Non è che io sia contraria, ma sono molto timorosa. È un vaccino d’emergenza, e siccome anche in gravidanza ho avuto dei problemi per quanto riguarda le trombosi, devo stare molto attenta». Così l’attrice Claudia Gerini, ospite dell’ultima giornata del Filming Italy Sardegna Festival al Forte Village di Santa Margherita di Pula.

leggi anche l’articolo —> Claudia Gerini malattia: «La mia pancia sembrava un pallone, soffrivo anche di gastrite»

claudia gerini vaccino

Claudia Gerini: «Non mi fido del vaccino», cosa le è successo di brutto in gravidanza

«Mia figlia diciassettenne l’ha fatto, quindi non è che io sia contraria. Ma ho tantissimi timori. Bisogna fare tanti esami prima di farsi inoculare una cosa così, perché non l’ho detto io: la Food and Drug Administration l’ha approvato in emergenza visto che non c’è una cura. Speriamo che piano piano si scoprano delle cure», ha spiegato Claudia Gerini. A far paura alla 49enne romana il rischio di trombosi, dunque, dal momento che lei ne ha già sofferto in passato: «Mi spaventa il fatto delle trombosi, io ho una predisposizione e anche in gravidanza ho dovuto fare particolare attenzione», ha spiegato la Gerini. Qualche parola anche sul Green Pass obbligatorio, un provvedimento imposto dal Governo Draghi: «Non sono sicura che sarà per sempre, ho dei dubbi. Ma in ogni caso adesso, se ho dei problemi, non entrerò nei teatri o nei posti al chiuso, che altro devo fare», ha affermato l’interprete di “Viaggi di nozze”, il film che le ha dato la popolarità negli anni Novanta. Se costretta l’attrice ha detto di aver in serbo un’altra soluzione: «Farò i tamponi, quello non è un problema. Ormai è un anno che li facciamo, sono stata su tanti set. Meglio quello che un rischio così. Ma non voglio influenzare nessuno», ha sottolineato la Gerini.

claudia gerini vaccino

Che cos’è il Green Pass e come si ottiene

La Certificazione verde Covid-19, più conosciuta come “Green pass”, “pass sanitario” o anche “Qr-code”, è un documento digitale e stampabile (cartacea), che contiene un codice a barre bidimensionale (QR Code appunto) e un sigillo elettronico qualificato. Si può avere se si realizza una delle seguenti condizioni: la persona è stata vaccinata contro il Coronavirus, ha ottenuto un risultato negativo al test molecolare/antigenico o è guarita dal Covid-19. Leggi anche l’articolo —> Claudia Gerini e Gianni Boncompagni, “una storia d’amore scabrosa”: «Eravamo due pazzi»

 

staffetta Italia nuoto

“Tokyo 2020”, Italia superlativa: Medaglia d’argento nella staffetta 4×100 stile libero

Covid, l’infettivologo Galli: “Mi auguro che i ricoveri non aumentino, ma dopo aver visto i no-vax in piazza…”